Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Magny Cours: Jonathan Rea l’ottava meraviglia, che pole!

Jonathan Rea firma l'ottava pole di fila e batte il primato di Ben Spies che resisteva dal 2009. Toprak Razgatlioglu è in agguato, Scott Redding si complica la vita

4 settembre 2021 - 11:31

Jonathan Rea scatterà dalla pole position in gara 1 dell’ottava tappa Superbike a Magny Cours. Il fuoriclasse Kawasaki ha battuto Toprak Razgatlioglu, rivale Yamaha per il Mondiale, e Tom Sykes con la BMW. Soltanto ottavo Scott Redding, che con la Ducati sarà costretto a scattare dalla terza fila. Rea riscrive un’altra pagina di storia: battuto il primato di sette pole consecutive di Ben Spies che resisteva dal 2009. Quest’anno il Cannibale  con la gomma supersoffice non ha rivali: 1’35″683 il suo strepitoso riferimento. Per Rea si tratta della 35° volta in carriera. Ma la gara sarà un affare più complicato…

Toprak in agguato

Il turco della Yamaha infatti ha un ritmo gara superlativo (qui i dettagli) e su questo tracciato dove nel 2019 ha colto la prima affermazione iridata, ha alzato ulteriormente l’asticella. Anche a Most e Navarra il campione in carica era partito davanti, ma alla distanza nulla aveva potuto contro Toprak. “C’è qualcosa che non va” aveva detto Jonathan Rea dopo le prove del venerdi. Kawasaki si è messa al lavoro e qualcosa potrebbe essere cambiato. “Ringrazio il team perchè non abbiamo avuto timore di cambiare radicalmente e sta funzionando” ha chiosato il numero uno dopo la pole. Vedremo se sui 21 giri il miglioramento sarà sufficiente. In prima fila c’è anche la BMW di Tom Sykes, che è infuriato con i tedeschi (qui le sue dichiarazioni) che gli hanno preferito Scott Redding per il 2022. Ma sul giro secco il Boscaiolo dice sempre la sua.

Ducati marcia indietro

Brutta qualifica per le Ducati. Scott Redding, dopo aver chiuso davanti a tutti la FP3, si è ritrovato ottavo, preceduto anche dal compagno Michael Rinaldi. Scattare dalla terza fila dovendosela giocare contro Rea e soprattutto Toprak non è certo l’ideale, per il britannico sarà una gara 1 ad altissima tensione. La Ducati insegue la coppia di testa distanziata di 38 punti, per Redding sarà fondamentale limitare i danni, se proprio non potrà ambire al successo.

Alle 14 la prima sfida

Magny Cours offre la prima delle tre sfide previste alle 14: i giri da percorrere sono 21. Un anno fa, su questo tracciato, tutte le corse furono sul bagnato: due centri Rea, l’ultimo Redding, con Toprak due volte nono e una sesto.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Silvio Tosseghini

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike, la quiete prima della tempesta tra Rea e Razgatlioglu?

Superbike

Superbike, Yamaha celebra il 60° anniversario con una livrea speciale

Superbike, Scott Redding

Superbike: Scott Redding teme il Montmelò “Non è in cima alla lista”