Superbike, Toprak

Superbike Magny Cours, prove 2: Toprak ha un passo gara stellare

Toprak chiude il venerdi Superbike davanti ai due rivali Redding e Rea. Il turco della Yamaha ha compiuto una simulazione gara con tempi strepitosi

3 settembre 2021 - 15:53

Toprak chiude il venerdi Superbike davanti ai due rivali Redding e Rea. Il turco della Yamaha ha compiuto una simulazione gara con tempi strepitosi. Il talento Yamaha ha girato in 1’37″109, a meno di un decimo dal primato della pista da lui stesso firmato due anni fa con la Kawasaki Puccetti. Magny Cours fu teatro in quella occasione della prima vittoria, stavolta potrebbe diventare trampolino verso qualcosa di molto più grande. A Jonathan Rea sembrano mancare 2-3 decimi, forse maggiore (in ottica gara)  il gap incassato da una Ducati che ha riportato Scott Redding in seconda posizione solo alla fine, probabilmente con gomma nuova.

Nessuno come Toprak 

Per il turco è stata una seconda sessione fantasmagorica. Ha compiuto una prima uscita per scaldarsi (sei giri), poi è tornato in pista restandoci altri quindici, con giro veloce realizzato al ventesimo passaggio complessivo. Le gare lunghe ne conteranno 21. Jonathan Rea era stato il più rapido al mattino, in un turno con pista asciutta solo nei quindici minuti conclusivi, quindi di scarso rilievo tecnico. L’asso Kawasaki al pomeriggio ha compiuto tre run, l’ultimo di sole quattro tornate, ma Toprak è rimasto imprendibile. Più o meno stesso discorso per la Ducati, che per due terzi della sessione è sembrata un pò in difficoltà coi due ufficiali. Poi Redding ha avuto il guizzo finale, Michael Rinaldi è rimasto nono.

Una partita a tre

Sul giro secco stavolta le prestazioni sono più livellate del solito, con ben dodici piloti racchiusi in sette decimi. Ma bisognerà verificare meglio le reali possibilità di Chaz Davies, ottimo quarto tempo con la Ducati Go Eleven, così come il potenziale di Honda e BMW, piombate nelle posizioni che contano con Leon Haslam e Tom Sykes. Sono entrambi dati in partenza, gli stimoli del mercato 2022 fanno miracoli. Per quanto riguarda la BMW c’è da registrare l’ennesimo problema tecnico capitato a Michael van der Mark che all’inizio ha fatto fuoco e fiamme ma alla fine dei giochi si è ritrovato decimo.

La Superbike a Magny Cours fino al 2024

Il promoter Dorna ha prorogato l’accordo con Magny Cours fino alla stagione 2024, compresa. Il tracciato della Nievre, nella Francia centrale, è una delle tradizionali colonne del calendario. Qui si corre dal 1991, la terza annata Superbike. In quella circostanza Doug Polen fece doppietta con la Ducati, festeggiando proprio a Magny Cours la conquista del titolo mondiale con due round d’anticipo.

Sabato la prima sfida

Il programma dell’ottava tappa Superbike entra nel vivo sabato 4 settembre: ore 11:10 la Superpole, con Jonathan Rea che cercherà di difendere l’imbattibilità che dura da inizio anno. Il 34enne nordirlandese può battere il record di sette pole consecutive di Ben Spies (Yamaha) nel 2009. Alle 14 gara 1, sulla distanza di 21 giri, pari a 92 chilometri. Qui gli orari e i collegamenti TV.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Baz

Superbike: Baz torna con Go Eleven al posto dell’infortunato Davies

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu: “Contatti con Johnny Rea? Nessun problema”

Superbike

Superbike: grave trauma cranico per Tom Sykes, rimane in osservazione