Toprak Razgatlioglu, Superbike

Superbike Donington, Gara 1: Toprak Razgatlioglu ribalta Jonathan Rea

Toprak Razgtalioglu batte sonoramente il campione del mondo e recupera altri 5 punti. Ducati a picco: Redding caduto, Rinaldi lontanissimo

3 luglio 2021 - 15:35

Toprak Razgatlioglu ribalta il pronostico Superbike e batte sonoramente Jonathan Rea nella prima sfida di Donington. Il turco della Yamaha dà seguito al successo di Misano e risale a -15 punti dal campione in carica. Lo sconfitto ha pure rischiato un paio di volte di stendersi nella parte veloce della pista, salvandosi anche dopo un lunghissimo fuoripista sull’erba bagnata. Il ritmo di Toprak, evidentemente, era insostenibile anche per lui. Ducati a picco: Scott Redding è volato via alla Hollywood dopo appena due giri, Michael Rinaldi è affondato fuori dalla top ten, a distanza siderale dal vincitore. Restano tantissime occasioni ma il sogno iridato della Rossa pare già a forte rischio.

Rea beffato 

Con la pioggia Jonathan Rea aveva fatto il vuoto nella FP3 e poi firmato la Superpole, infliggendo distacchi abissali a tutti. Toprak Razgatlioglu sul bagnato era affondato in quinta fila ma con l’asciutto gli equilibri sono cambiati radicalmente. La pista si è asciugata (parzialmente) pochi attimi prima del via, quanto bastava per indurre tutto lo schieramento a scegliere le slick. Toprak ha azzardato la posteriore SCX, la scelta più soffice, mentre Rea – come sempre – è andato sul sicuro montando la media. Il turco è partito a razzo, si è infilato quinto nella prima curva e in un paio di passaggi ha attaccato Jonathan Rea. Il Cannibale era al limite, ha rischiato un paio di volte di perdere il controllo sull’umido nella parte veloce della pista, finchè  ha mollato la presa. Forse in Kawasaki speravano che la gomma “A” cedesse, ma non è successo. Adesso Razgatlioglu è a soli 15 punti. La Yamaha ha improvvisamente rallentato uscendo dall’ultima curva, forse a secco di benzina: che rischio!

Ducati a picco 

Alex Lowes ha completato il podio con l’altra Kawasaki, beccandosi però 12 secondi dallo scatenato Toprak.  Occasione sprecata per Garrett Gerloff che ha vanificato il terzo posto scivolando alla Goddard mentre era in lotta con Lowes. Il texano ha comunque finito settimo. Sul  bagnato forse Rea avrebbe dovuto fare i conti con Tom Sykes, che invece sull’asciutto si è dovuto accontentare del quarto posto davanti all’altra BMW di Michael van der Mark. E’ stata una gara disastrosa per le sorti Ducati. Scott Redding ha sbagliato di nuovo, e siamo già a due “zeri” in dieci gare: troppi errori per sperare di giocarsi il titolo. Michael Rinaldi, protagonista a Misano con due vittorie, ha preso quasi un minuto, arenandosi in 12° posizione. Dietro anche al privato Axel Bassani, finito decimo. Così proprio non va.

Domenica doppia rivincita

Il week end britannico è appena cominciato, la domenica proporrà due possibilità di riscatto. Alle 12 ora italiana la Superpole Race, sulla distanza di dieci giri, con lo stesso schieramento di gara 1, dodici punti in palio al vincitore. Alle 15 la manche finale, su 23 giri. Qui gli orari in pista e i collegamenti tv. Meteo: le previsioni sono per pioggia battente l’intera giornata. Jonathan Rea, sul bagnato,  spera di ribaltare l’esito del week end: emozioni assicurate.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

2 commenti

FRA 1988
16:31, 3 luglio 2021

Rea e Razgatlioglu come Edwards e Bayliss dei tempi d’oro per la gioia dei fan. Ma se vincesse ancora Rea saranno fugati tutti i dubbi su chi sia il migliore all time.
Toprak molto più forte dei vari Bautista( dietro pure ad Haslam),Redding e Davies.

FRA 1988
16:27, 3 luglio 2021

Rea incassa il colpo ma dopo il lungo poteva fare zero punti,invece gestisce tutto al meglio. Questo fa un campione ,non come Redding che non regge la pressione e fa flop.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike, la quiete prima della tempesta tra Rea e Razgatlioglu?

Superbike

Superbike, Yamaha celebra il 60° anniversario con una livrea speciale

Superbike, Scott Redding

Superbike: Scott Redding teme il Montmelò “Non è in cima alla lista”