Tom Sykes, Portimao Test

Tom Sykes cade due volte ma assicura “Siamo da podio”

Luci e ombre per la BMW nei test Superbike a Portimao. Per il britannico un doppio volo, ma il nuovo motore supera l'esame

26 agosto 2019 - 14:14

Tom Sykes cade due volte e chiude i test di Portimao con il dodicesimo tempo. Ma non perde il sorriso e assicura: “I tempi dei collaudi non contano (qui la classifica finale), fra due settimane qui a Portimao ci giocheremo il podio.” Al debutto con la BMW l’ex iridato ne ha già collezionati tre (due secondi e un terzo), un altro è sfumato per rottura meccanica (Misano), l’ultimo a Donington sull’olio lasciato dal compagno Peter Hickman.

NUOVO MOTORE OK MA….

Nella due giorni di test in Portogallo la marca tedesca ha messo alla frusta una nuova evoluzione di motore (qui i dettagli), che sembra aver dato i risultati sperati. Se verrà punzonato per il round portoghese, Sykes raggiungerà quota sette, cioè il limite di propulsori fissato dal regolamento. Mancando ancora quattro round (12 gare) è abbastanza probabile che ne serva almeno un altro, per cui nel finale di stagione Tom rischia la partenza dalla corsia box, ad ogni motore aggiunto oltre il settimo. “Importante è avere cavalli, poi a recuperare ci penso io…” 

TOM DOPPIA CADUTA

“La giornata iniziale non è stata facile, quando cadi due volte non è bello, ma a volte succede” spiega Tom Sykes. “Il secondo invece è filato tutto liscio e abbiamo raccolto  molte informazioni. Sono molto contento del comportamento della S1000RR su asfalti caldi. Non fate caso al dodicesimo tempo, parecchi piloti hanno girato con coperture soffici. Quello che conta è il terzo tempo nella sessione pomeridiana (in orario di gara, ndr). Direi che siamo prontissimi a tornare all’attacco. Sono sicuro che punterò di nuovo a salire sul podio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

can oncu supersport

Nuove sfide: Dalla Moto3, Can Öncü approda in World Supersport

Toprak, Yamaha

Andrea Dosoli: “Visto? Toprak è già veloce anche con Yamaha”

Lucas Mahias

Lucas Mahias, il debutto in MotoE gli costa un dito mignolo