locatelli supersport

Supersport, Andrea Locatelli: “Pochi minuti dal via, l’adrenalina in corpo, e poi…”

Andrea Locatelli, la beffa dell'incidente nel giro di ricognizione. "Problemi al posteriore, non il grip che mi aspettavo." La testa è già a Estoril "per chiudere in bellezza."

5 ottobre 2020 - 11:36

Possiamo dire che quest’anno si era abituato troppo bene. A Magny-Cours invece Andrea Locatelli mette a referto il primo zero di una stagione incredibile. Niente di grave, visto il titolo Supersport già in tasca, ma c’è amarezza per il modo in cui è arrivato: l’asfalto molto bagnato anche in Gara 2 l’ha tradito nel giro di ricognizione. Caduta e ritiro ancora prima del via: una beffa per il pilota lombardo, reduce da uno splendido successo nella competizione di sabato e determinato a ripetersi. Ora testa a Estoril, per chiudere nel migliore dei modi una stagione memorabile.

Anche se, come detto, prima bisogna smaltire l’amarezza per un DNF inaspettato. “Dopo la vittoria di sabato e il warm-up del mattino eravamo fiduciosi per Gara 2.” Passa poi a spiegare quello che è successo: “Purtroppo nel giro di ricognizione ho riscontrato dei problemi nel posteriore: la moto non aveva il grip che mi aspettavo. Verso la fine del giro infatti ha perso aderenza e mi ha disarcionato!” Dopo l’highside è riuscito a guadagnare la pista, ma solo per riportare la sua Yamaha al box. “Sfortunatamente ha subito gravi danni al manubrio, non era possibile prendere il via alla gara.”

“È davvero brutto arrivare a qualche minuto dalla partenza con l’adrenalina in corpo e non poter partecipare.” Come detto, una beffa dovuta all’asfalto bagnato: l’errore era dietro l’angolo. Ma non vuole soffermarsi troppo su quanto accaduto: c’è ancora un round da disputare. Scontato dire che Locatelli è pronto a rifarsi, l’obiettivo sarà nientemeno che la doppia vittoria. “Ora la testa va all’ultimo round che si correrà sul circuito di Estoril, una pista che pochi conoscono, come me. Sarà fondamentale trovare la quadra sin dai primi turni per poter concludere la stagione in bellezza.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista esagerato “La Honda era impossibile da guidare”

Ducati, Panigale V2

Ducati, prove di futuro con Panigale V2 955 e Randy Krummenacher

Superbike, Jonas Folger

Superbike, BMW raddoppia con Jonas Folger e il team MGM?