Garrett Gerloff, Superbike

Superbike Magny Cours, FP2 Garrett Gerloff sorprende Jonathan Rea

Garrett Gerloff all'ultimo tuffo si prende il primato del venerdi Superbike a Magny Cours. Jonathan Rea però va a nozze, benissimo Michael Rinaldi terzo

2 ottobre 2020 - 15:59

Gli altri annaspano tra i flutti di Magny Cours, per Jonathan Rea l’asfalto intriso d’acqua e la visibilità precaria sembrano normali. “Qui in Francia è un maltempo eccezionale, a Belfast sarebbe un giorno come altri” ha sorriso il fuoriclasse della Kawasaki, dominatore delle prove mattutine. Per dire che a lui il bagnato non fa paura, anzi lo fa sentire a casa. Ma all’ultimo istante è stato Garrett Gerloff a balzare in vetta alla classifica del venerdi, sorprendendo il Cannibale,  per appena 15 millesimi. Con la pioggia i rischi aumentano, è facile che Jonathan Rea non sia andato a caccia di guai, anche se nel penultimo giro stava per perdere il controllo della Ninja. Quello successivo ha realizzato il suo giro veloce, tutt’altro che intimorito.

Michael Rinaldi di nuovo davanti a Scott Redding

Il 24enne riminese ha siglato il terzo tempo, ad un soffio da Gerloff e Rea, rivelandosi anche sul bagnato un bruttissimo cliente per tutti. A cominciare da Scott Redding, relegato al settimo posto ad un secondo dalla vetta. Il britannico è anche scivolato nel finale, alla curva del Liceo, senza danni. Parlando di Ducati ufficiale, peggio ancora Chaz Davies, staccato di due secondi e appena undicesimo. Passano le gare, Michael Rinaldi sta diventando sempre più l’ancòra delle speranza della Rossa, pur guidando per la piccola Go Eleven.

Pesci grossi annaspano 

Sul bagnato delude (12° tempo) Toprak Razgatlioglu, che qui a Magny Cours un anno fa con la Kawasaki Puccetti aveva vinto due volte. Stavolta è stato oscurato da Garrett Gerlfoff, che guida la Yamaha YZF-R1 versione 2019 gestita dalla satellite GRT. A picco anche un altro protagonista, Alvaro Bautista: la 18° posizione non è certo quello che Honda HRC si aspetta da lui. Lo spagnolo sta guidando con il quinto metatarso fratturato nell’highside durante la Superpole Race a Barcellona, mentre era al comando.

Tre sfide sul bagnato?

La Superbike 2020 finora non ha mai gareggiato sul bagnato ma a Magny Cours queste condizioni sembrano ineludili. Il meteo infatti non promette tregua da qui a domenica. La pioggia, aumentando le variabili e i rischi, non sta dando vantaggio agli inseguitori ma sarà comunque un sabato francese ad alta tensione. Qui il programma di giornata, con dirette TV sia per la Superpole (ore 11) che gara 1. Jonathan Rea riparte da +51 punti di vantaggio su Scott Redding. Al termine di gara 1 mancheranno cinque corse alla fine del Mondiale, con 99 punti in palio. Per cui, comunque vada, il pilota Kawasaki non potrà diventare campione. Potrebbe farcela entro domenica se guadagnerà altri 12 punti su Scott Redding.

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Anthony West

Anthony West: nel 2021 torna in pista, intanto si scusa con la FIM

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike, Alvaro Bautista esagerato “La Honda era impossibile da guidare”

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea 6 mondiali “In Testa”