Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “Io in Ducati MotoGP? Non ne so niente”

Il campione del Mondo in realtà è molto vicino al rinnovo con Kawasaki. "Qui non voglio parlare del mio futuro"

28 febbraio 2020 - 7:01

Jonathan Rea ha chiuso la vigilia dell’apertura Mondiale con il sesto tempo (qui i risultati del venerdi). La Kawasaki ha fatto ulteriori prove sulla distanza gara, nel box del numero uno sono convinti di poter fare la differenza sui 22 giri di gara 1 che scatterà alle 15 locali, le 5 del mattino in Italia. Il pronostico è assai incerto: Scott Redding e la Ducati hanno firmato il miglior tempo sia sul bagnato che sull’asciutto, non è ancora chiaro se il britannico avrà la necessaria costanza di prestazione. Ma  Scott Redding fila come un treno: dopo Alvaro Bautista, il Cannibale si dovrà confrontare con un altro osso molto duro.

MERCATO ACERBO

Mentre in MotoGP le pedine 2021 sono già a posto, in Superbike di mercato non è ancora caldo. Jonathan Rea è in scadenza ma da tempo sta parlando di rinnovo con la Kawasaki. L’anno prossimo Akashi presenterà una Superbike tutta nuova, sull’onda MotoGP-style già percorsa  da Ducati e Honda. E’ assai improbabile che il 33enne nordirlandese la lasci a qualcun altro. Come è difficile che Kawasaki si lasci scappare il pilota dei cinque Mondiali consecutivi. Per questo le voci (o fake news?) che corrono sui social hanno sorpreso tutti. “Io alla Ducati MotoGP? Non ne so niente, questa dove arriva?” si chiede Jonathan Rea. Al pilota che tutti vorrebbero non può far che piacere che si parli di lui in altre livree: già incassa un paio di milioni da Kawasaki, più i premi (sostanziosi, visti i risultati) e tirare un pò la corda ai piloti fa sempre gioco.

NON PARLO DEL FUTURO

Archiviata la sorpresa, Jonathan Rea dà in pasto ai media qualche parola di circostanza. “Si sta per aprire il Mondiale, io penso alla strategia per fare più punti possibili in questo primo round, del futuro non parlo in questa occasione. Sceglierò la migliore opportunità per me.” In Kawasaki non sembrano così preoccupati di perdere il pilota dal polso destro d’oro.

IL MANAGER: “MAI PARLATO CON DUCATI”

Sull’argomento è intervenuto anche Cuck Aksland, manager di Jonathan Rea. “Non c’è neinte di vero, parlo con tanti soggetti, ma non ho mai parlato di questa opportunità con Ducati.” L’americano, profondo conoscitore del paddock MotoGP, ha aggiunto: “Non vengo spesso in Superbike, se sono qui ci sono validi motivi. Credo che entro un paio di mesi saprete del futuro di Jonathan Rea. E’ un pilota vincente, che desidera un pacchetto vincente. Dobbiamo capire se Kawasaki nel 2021 punterà su un progetto nuovo, oppure su semplici aggiornamenti dell’attuale ZX-10RR. Questo è quello che ci interessa.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike: “Correre il Mondiale a porte chiuse per noi è insostenibile”

Superbike Compleanno, Lucchinelli

Buon 32° compleanno Mondiale Superbike: che tempi, quei tempi!

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”