MotoGP, Jorge Lorenzo a Portimao

MotoGP, Valentino Rossi: messaggio a Jorge Lorenzo… senza risposta

Valentino Rossi ha lanciato un messaggio a Jorge Lorenzo dopo il test di Portimao. Il rinnovo del maiorchino come collaudatore Yamaha è a rischio?

13 ottobre 2020 - 11:04

Jorge Lorenzo e Yamaha al tavolo delle trattative nei prossimi giorni per decidere il loro futuro in MotoGP. Dopo il test di Portimao non sono in programma altre uscite private ed è tempo di trattative. L’emergenza Covid-19 costringerà le parti a venirsi incontro, soprattutto dal punto di vista dell’ingaggio. In attesa di sapere se Dorna darà via libera alle wild-card nella prossima stagione.

Il pentacampione maiorchino si attendeva un trattamento ben diverso nel 2020. Due jolly in gara, una M1 2020 a disposizione, il sogno a lungo rincorso di potersi rimettere in gioco con la sua amata Yamaha. Nulla di tutto questo si è verificato, vuoi la crisi sanitaria, vuoi il poco gradimento della sua breve (ma intensa) trattativa con Ducati. Non sono certe casuali le parole di Valentino Rossi a le Mans: “Se vuole fare il collaudatore Yamaha deve allenarsi di più con le due ruote“. Una frecciata che per il momento non ha avuto la risposta di Jorge Lorenzo, solitamente pronto alle diatribe a distanza.

Jorge e Yamaha arrivano al dunque

Nella due giorni di test a Portimao non ha avuto a disposizione l’ultima versione del prototipo. Una mancanza giustificata con l’urgenza di avere componenti a disposizione per il GP di Le Mans. Un’evidente scusa che non rende troppo onore ad una casa affermata come la Yamaha. Le vere motivazioni risiedono altrove. Sempre Valentino Rossi, “dottore” di comunicazione, ha aggiunto: “Se non guidi da nove mesi, è impossibile prendere una MotoGP al limite“. Dal canto suo Jorge ha dovuto ammettere una certa difficoltà a rimettersi in sella alla M1 dopo Portimao. “Sinceramente non mi aspettavo di avere così tante difficoltà ad adattarmi di nuovo alle alte velocità e a queste sensazioni estremamente veloci“.

Per la prossima stagione MotoGP bisognerà cambiare ritmo, allenamenti, oltre che il peso del contratto. Il feeling potrebbe persino spezzarsi tra l’ex campione e la Yamaha. Di recente, in un’intervista allo spagnolo ‘AS’, non ha nascosto di fare il tifo per Joan Mir. “Ovviamente difendo Fabio (Quartararo, ndr), perché siamo della stessa marca. Ma sarei felice per Joan se vincesse“. Il senso di nazionalità può essere più forte dell’appartenenza ad un marchio… “Sarebbe incredibile per Maiorca avere un altro campione del mondo MotoGP“. Dichiarazioni che sono soggette a libera interpretazione, in attesa di sapere se mai risponderà alle affermazioni di Valentino Rossi.

Video: Instagram @jorgelorenzo99

 

2 commenti

corsedimot_15035767
7:49, 14 ottobre 2020

Rossi, che penso abbia comunque un po’ di voce in capitolo, dovrebbe dire chiaramente a Yamaha che Lorenzo è del tutto inutile, se non addirittura dannoso, per le continue ed inutili esternazioni.

nenhumdeno_15050444
3:24, 14 ottobre 2020

Era più facile avere i dati di Lorenzo quando lui era nel box accanto e faceva un bello lavoro con la M1.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Bradley Smith

MotoGP, Bradley Smith e le ultime lamentele su Aprilia

alex marquez motogp

Spy MotoGP: Un nuovo telaio per i piloti Honda ad Aragón

savadori motogp

MotoGP: Lorenzo Savadori, Aprilia gli ‘regala’ Valencia e Portimao