MotoGP, Luca Marini

MotoGP, Enea Bastianini-Luca Marini: Ducati premierà il più veloce

Luca Marini ed Enea Bastianini inizieranno l'avventura MotoGP con una GP19 simile. Ma Pablo Nieto anticipa: "Ducati aiuterà chi va un po' più veloce".

18 febbraio 2021 - 15:15

Luca Marini e lo Sky Racing Team V46 occupano metà del box Esponsorama nella prossima stagione MotoGP. Un primo approccio a quello che potrebbe essere il team VR46 dal 2022 in classe regina, in attesa di conoscere se legarsi a Yamaha o restare in Ducati. Massima collaborazione tra le due anime del garage, con Enea Bastianini nell’altro angolo. Entrambi gli italiani avranno a disposizione una GP19 identica a quella di Johann Zarco nel 2020. Pablo Nieto e Ruben Xaus dovranno amalgamare la squadra: “Ad essere onesti, è ancora un po’ difficile dirti la verità, perché ci sono così tante persone coinvolte!“.

Moto simile ai nastri di partenza

Xaus proseguirà il suo lavoro di direttore sportivo, Nieto si occuperà di tutto ciò che concerne la metà VR46. “Diciamo che saremo più o meno come uno sponsor – ha spiegato il figlio di Angel Nieto a The-Race -. Ma ho un ottimo rapporto con loro e sarò sempre nel loro box. Porteremo con noi anche alcuni meccanici“. Luca Marini proverà a ricalcare le buone prestazioni di Zarco nel 2020, segno che Borgo Panigale non solo ha svolto un buon lavoro tecnico. Ma ha deciso di puntare seriamente sulle nuove leve. Pari opportunità nel box Esponsorama, ma a stagione MotoGP in corso qualcosa potrebbe cambiare. “Sappiamo che il costruttore aiuterà un po’ di più il pilota che è un po’ più veloce. Ma non sappiamo se saremo noi“.

L’esordio in classe regina

L’emergenza Covid non giocherà a favore dei rookie. Test e prime due gare si terranno sul circuito di Losail. L’anno scorso Alex Marquez e Brad Binder hanno iniziato il loro primo anno MotoGP con ben 15 giorni di test prima si esordire in classe regina. “Normalmente in MotoGP provi piste diverse nei test, ed è importante“, ha aggiunto Pablo Nieto. “Farà un po’ male a Luca, perché passerà tre settimane a provare in Qatar. Sarà dura per la prima gara perché tutti gli altri hanno provato così tanto. Poi ci sarà un problema anche quando arriveremo in Europa, [con Luca] che non ha mai provato la moto su un’altra pista“. Nella pausa invernale il fratello di Valentino Rossi ha girato con una Panigale V4S a Jerez, ma un prototipo è ben altra cosa. “Sarà difficile perché ci sono tanti debuttanti veloci come Martin e Bastianini, ma faremo del nostro meglio e credo che Luca possa farcela“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Mike Leitner

MotoGP, scambio Leitner-Guidotti: “Decisione prima del previsto”

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Massimo Rivola: “Aprilia è indietro, sfruttiamo le concessioni”

MotoGP, Ludovica Guerra

MotoGP, Ludovica Guerra: il nuovo volto SKY è già in pole position