Superbike, Tito Rabat

Superbike: Tito Rabat-Ducati Barni divorzio, arriva Michele Pirro?

Ducati Barni e Tito Rabat hanno deciso di separarsi dopo oltre metà stagione senza risultati. Un'altra occasione Mondiale per Michele Pirro?

8 settembre 2021 - 16:31

Era nell’aria, adesso è ufficiale: Ducati Barni e Tito Rabat hanno posto fine al calvario che durava dall’inizio del mondiale Superbike. Le attese riguardo all’ex iridato Moto2 erano alte, ma i risutati sono stati assai deludenti. Per cui squadra bergamasca e pilota spagnolo hanno deciso di piantarla qui. Dopo otto tappe (24 gare) Rabat è sconsolatamente 15° in classifica, con appena 38 punti conquistati. Miglior risultato ottenuto: decimo posto all’Estoril. Un disastro, nonostante Barni disponga di una Ducati pressochè identica a quelle in dotazione al team Aruba Racing. Infruttuosi tutti gli sforzi tecnici compiuti, l’ultimo in ordine di tempo un  forcellone progettato su specifiche del team.

Michele Pirro occasione mondiale?

Ducati Barni continuerà a gareggiare con un altro pilota. Restano cinque round in programma, poco meno di metà stagione. Salvo sorprese, Marco Bernabò pescherà fra i piloti della scuderia, e ovviamente il nome in pole position è quello di Michele Pirro, tester Ducati che con Barni ha appena conquistato il titolo tricolore. L’operazione è condizionata al via libera di Ducati Corse, che non è scontato: il calendario Superbike adesso prevede tre tappe in successione (Montmelò, Jerez e Portimao) quindi significherebbe dover rinunciare al collaudatore MotoGP per parecchio tempo. Anche considerando che poi resterebbero le due trasferte extra europeee in Argentina e Indonesia, che secondo Dorna si disputeranno ad ogni costo ma che in realtà non sono ad oggi ufficialmente  confermate.

Massaggio Capitale, relax a Roma

3 commenti

Macx
18:51, 8 settembre 2021

Trovo strano che le Ducati Barni funzionino solo con Pirro, si sono bruciati due piloti di ottima levatura come Melandri e Rabat ottenendo risultati che se fossero andati alle gare i piloti con la moto di serie sul carrello e l amico factotum per benzina e gomme sarebbero stati piu o meno gli stessi………………….

    Ringhietto
    8:58, 9 settembre 2021

    Si sono bruciati 2 piloti che più bolliti di così non potevano essere…è ora di finirla di dare selle a nomi in declino, di giovani promettenti ce ne sono tanti basta guardarsi intorno

      Mattia B.
      11:46, 9 settembre 2021

      sono d’accordo, penso che prendere uno dei primi 5 del CIV o del National Trophy non farebbe certo peggio di Rabat. Basta vedere Bassani con una struttura ben più piccola di Barni, come si sta comportando.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding in Catalunya

Superbike, Scott Redding: “Mi sento in colpa per il sorpasso a Bassani”

Superbike, Razgatlioglu contro Rea

Superbike, sfortuna Razgatlioglu: cosa è successo alla Yamaha R1

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike