Superbike, Jonathan Rea

Superbike Aragon, Pazzesco Jonathan Rea arpiona la 28° Superbike

Jonathan Rea firma il nuovo primato ufficioso di Aragon con un giro mostruoso. In prima fila Scott Redding e Tom Sykes: prima sfida alle 14

22 maggio 2021 - 11:30

Jonathan Rea scatterà dalla Superpole nell’apertura del Mondiale Superbike al Motorland Aragon. Il via alle 14, 18 giri da percorrere. Il campione in carica (da sei anni di fila…) ha arpionato la migliore casella dello schieramento per la 28° volta in carriera. Strepitoso il suo giro: 1’48″458, nuovo primato ufficioso del tracciato spagnolo. Jonathan Rea ha migliorato di tre decimi il primato che già gli apparteneva, siglato l’estate scorsa.

Prima fila spaziale

Il Cannibale si era un pò nascosto nelle prove del venerdi, qui la Kawasaki ha girato tanto durante l’inverno per cui non c’era dubbio che al momento opportuno il numero uno sarebbe balzato fuori. Il giro di Jonathan Rea è stato strepitoso, quasi tre decimi inferti ad uno Scott Redding che a sua volta ha portato la Ducati sotto il primato ’20. Ma contro questo fuoriclasse progredire non basta mai…Su pista fresca però Redding ha ritrovato verve: a meno di clamorosi cambi meteo, con questa temperatura sarà difficile che qualcuno possa azzardare la scelta SCX, che garantirebbe mezzo secondo di vantaggio, riuscendo a portarla in fondo. La prima fila è completata da Tom Sykes che sul giro secco ha messo una pezza sui problemi di una BMW M ancora in alto mare sul passo. In FP3 sulla quattro cilindri tedesca si è  staccato il copricentralina elettronica, segno che nel team SMR non tutto fila alla perfezione.

Chaz Davies in agguato 

La seconda linea è aperta dall’altra Kawasaki di Alex Lowes, a precedere Chaz Davies, possibile mina vagante di gara 1: venerdi è stato il più incisivo su pista molto calda. Sesto tempo per Garrett Gerloff, migliore dei piloti Yamaha: Toprak Razgatliouglu, solo decimo, ha trovato pane per i suoi denti. In terza fila le due Honda HRC di Bautista e Haslam oltre alla Ducati di Michael Rinaldi, che qui l’anno scorso ha vinto la sua unica gara mondiale, calando l’asso SCX.

Alle 14 la prima sfida Mondiale 2021

Il momento della verità è vicino: alle 14 gara 1 al MotorLand Aragon aprirà ufficialmente il Mondiale Superbike 2021. Diciotto i giri da percorre, pari a 91 chilometri. Sarà decisiva la scelta di gomma: oltre una certa soglia di temperatura, alcuni piloti di punta (Rinaldi, Bautista e altri) potrebbero rischiare la SCX, cioè la supersoffice che Pirelli ha progettato per i dieci giri della Superpole Race. Su questa pista Michael Rinaldi l’estate scorsa ha già dato scacco matto a tutti utilizzando questa soluzione. Si lamentano i piloti più grandi fisicamente, come Scott Redding: causa peso, per loro la SCX è impossibile da usare anche con pista caldissima. Il britannico non l’ha presa bene, qui il suo sfogo di venerdi pomeriggio.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
11:50, 22 maggio 2021

Solita pretattica del cannibale che lascia divertire gli altri quando non conta niente..

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ana carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della ‘guerriera rosa’. “Una gara pazza!”

Superbike, Michael Rinaldi

Superbike: Fate largo a Michael Rinaldi, il pilota operaio

Superbike, Toprak Razgatlioglu

Superbike, Toprak Razgatlioglu al posto di Valentino Rossi?