Superbike, Michele Pirro

Superbike, Michele Pirro e Ducati il tricolore è compromesso (VIDEO)

La Ducati si ferma sul più bello e Michele Pirro sprofonda a -40 punti da Lorenzo Savadori: l'assalto al titolo Superbike tricolore è compromesso

27 luglio 2020 - 9:04

Una doppietta nella Superbike tricolore a Misano sarebbe stato il miglior trampolino per la Ducati Barni in vista della ripresa del Mondiale a Jerez. La formazione bergamasca il prossimo week end sarà sotto i riflettori per il ritorno sulla scena di Marco Melandri, che a nove mesi dal ritiro tornerà a sfidare i draghi della top class. Invece il bilancio del secondo appuntamento nazionale è stato negativo: Michele Pirro ha accusato un altro pesantissimo “zero” in classifica, il secondo in quattro corse, che rischia di compromettere l’assalto al CIV. Questa volta è stata la Ducati Panigale V4 R a tradire: a quattro giri dalla fine, con Pirro in gran recupero sul battistrada Lorenzo Savadori, il motore si è spento per un’anomalia elettrica. Addio sogni di gloria. Nel video qui sopra le highlights di gara 2.

Rimonta improba

Michele Pirro, oltre a questo ritiro, paga la caduta in gara 1 al Mugello (qui il video). A due round dalla fine (quattro corse, 100 punti in palio) il tester Ducati MotoGP è sprofondato al quarto posto della classifica, a ben 40 punti dal leader Lorenzo Savadori. Considerando che la Superbike nazionale è una partita a due, e che nessun altro pilota sarà in grado di intromettersi, è scontato ritenere che solo una serie di circostanze imprevedibili potrebbero ribaltare la situazione. A Savadori basterà non commettere errori, a cominciare dalla prossima sfida del 5-6 settembre a Imola. Tracciato dove per altro il pilota Aprilia un anno fà si rivelò imprendibile per Pirro e la Ducati.

“Non ci voleva”

Non potersi giocare fino in fondo le proprie chances per un banale problema è piuttosto frustrante” ha commentato Michele Pirro”. Al momento dello stop il pugliese stava recuperando decimi su Savadori, ed era intenzionato a ripetere la stessa strategia vincente del giorno prima. “Sarebbe stato un bel finale di gara perché stavo recuperando e avrei potuto provare ad attaccare Savadori, invece la moto si è spenta e sono stato costretto a fermarmi. Certamente questo risultato complica tantissimo la rincorsa al campionato, ma i conti li faremo dopo l’ultima bandiera a scacchi».
 
Foto: Marco Lanfranchi 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike

Superbike Portimao: Toprak dà spettacolo in FP1, doppietta Yamaha

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea teme lo stop del Mondiale “Meglio essere davanti”

Superbike

Superbike Portimao, gli orari delle dirette TV su Sky Sport Arena e TV8