Superbike, Michele Pirro

Superbike: CIV, Michele Pirro che botto al Mugello (VIDEO)

Michele Pirro è incappato in questa rovinosa caduta nella gara d'apertura del tricolore al Mugello. Adesso Ducati è con le spalle al muro

5 luglio 2020 - 10:07

La sfida Ducati contro Aprilia nella Superbike nazionale si apre con un imprevisto colpo di scena. Michele Pirro è incappato nella scivolata che vedete nel video qui sopra, all’Arrabbiata 1. In quel punto si viaggia molto forte: la Panigale V4 del team Barni ha perso appoggio sull’anteriore, rimbalzando più volte nella via di fuga. Il tester MotoGP si è rialzato senza danni. Pirro aveva appena superato Lorenzo Savadori, che con l’Aprilia aveva preso il comando fin dall’inizio. Il sorpasso alla Casonava, due curve prima dell’incidente, sembrava la miccia di un grande duello. Invece il confronto è finito subito (qui la cronaca)

Partenza ad handicap 

Il guaio è grosso per la Ducati, perchè il tricolore prevede appena quattro round, cioè otto corse. Il gap di 25 punti non sarà facile da recuperare, anche perchè Pirro e Savadori sono di un altro livello rispetto al resto del gruppo, per cui è abbastanza difficile che qualcuno possa mettersi in mezzo. La nuova RSV4 1100 Factory, con 100 cc di vantaggio concessi dal nuovo regolamento,  si è rivelata subito una grande insidia per la Panigale. “Dopo aver superato Savadori avrei cercato di prendere il mio passo, non pensavo di cadere a quel modo” ha spiegato Michele Pirro nel dopo gara. Il pugliese era partito per la 14° volta dalla pole “ma questo contrattempo ha mandato in fumo la soddisfazione. A questo punto bisogna rifarsi subito”.

Ducati con le spalle al muro

Già, la Rossa è già nell’angolo e Pirro non potrà più sbagliare una mossa. A cominciare da gara 2 al Mugello, che parte alle 15:20 di oggi. I giri da percorrere sono ancora 14. Lo schieramento è lo stesso di gara 1, con Pirro in pole e Savadori a suo fianco.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Ana Carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della guerriera: “Se cadi sette volte, rialzati otto”

Superbike, Tom Sykes

Superbike, Tom Sykes impaziente “BMW deve dirmi adesso se andiamo avanti”

Superbike

Superbike: Honda HRC al limite, ha già fatto fuori tre motori