Superbike Thai: Alvaro Bautista vince anche allo sprint

Alvaro Bautista fulmina Jonathan Rea anche sulla mini gara di dieci giri: adesso sono cinque su cinque per la Ducati. Alle 10:00 la sfida finale

17 marzo 2019 - 7:15

Alvaro Bautista ha fulminato Jonathan Rea anche nella gara sprint, prevista su dieci giri ma in realtà accorciata a sette causa incidente. Lo stop è stato causato dall’incidente alla curva 3 che ha convolto la wild card thailandese Tithipong Warakorn, trasportato all’ospedale per lesioni al torace, trauma cranico, commozione cerebrale. Leon Camier ha subìto la frattura del polso destro e la distorsione del ginochio destro con avulsione della spina tibiale. Bautista guadagna altri tre punti su Rea adesso distante 21 lunghezze dalla vetta. (Qui cronaca e classifica di gara 1)

Fine delle trasmissioni

Rea sperava di poter mettere pressione a Bautista almeno sulla corta distanza. Ma in realtà la sfida è durata solo una curva, la prima:. La Kawasaki è partita a razzo dalla seconda posizione dello schieramento ma la cavalleria Ducati ha catapultato lo spagnolo al comando nel rettilineo seguente. Jonathan ha insistito due-tre giri, poi ha capito l’antifona e ha mollato la presa: fine delle trasmissioni. La bandiera rossa uscita al giro sette, con classifica stilata a quello precedente, non ha cambiato faccia ad gara che aveva già dato l’impressione di aver detto tutto. L’ordine d’arrivo è stato il medesimo di gara 1 fino alla settima posizione di Sandro Cortese, con Marco Melandri ancora sesto preceduto da van der Mark e Haslam.

Laverty fuori 

Non ha preso il via Eugene Laverty, il team Go Eleven non è riuscito ad ultimare in tempo la riparazione dei danni causati dal tremendo schianto di sabato. L’irlandese, rimasto senza freni, se l’era cavata senza danni. Adesso per completare l’opera ad Alvaro Bautista adesso resta gara 2 (20 giri) ma la supremazia è tale che sarà assai difficile per Jonathan Rea cambiare l’inerzia. Tra l’altro nella gara sprint la Ducati è sembrata ben più efficace nel misto rispetto all’anticipo del sabato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Supersport 300: Presentato il Kawasaki GP Project

Superbike: Thitipong Warokorn, 6 vertebre rotte ma è già in piedi

Superbike: Ducati top secret, niente info sui test di Aragon