Superbike Imola Prove 2: Jonathan Rea spinge, risorge Chaz Davies

Il campione Kawasaki mette nel mirino la Ducati: miglior tempo e strepitoso passo gara. Alvaro Bautista solo quarto

10 maggio 2019 - 16:03

Jonathan Rea è arrivato a Imola con il dente avvelenato dal digiuno che dura da inizio stagione, con l’idea di affrontare a muso duro Alvaro Bautista e la Ducati. Il 32enne nordirlandese intanto ha chiuso al comando un venerdi da dominatore: primo al mattino (qui cronaca e tempi), poi di nuovo al pomeriggio con un 1’46″374, sotto il primato ufficiale. Ma il fattore più importante è il passo gara: Jonathan Rea è stato impressionante, con settori supersonici specie nella seconda parte del tracciato. Nessuno come lui affronta la picchiata della Rivazza, in quinta piena.  Sulla pista di casa la Ducati saluta il ritorno in grande stile di Chaz Davies, che gira fortissimo e precede Alvaro Bautista. Su questo tracciato vecchio stile lo spagnolo non sembra così dominante come sui tracciati MotoGP-Style. Bautista ha incassato sette decimi da Rea e sei dal compagno Davies. Inoltre è preceduto anche da Tom Sykes, anche qui superveloce con la BMW, sul giro secco. Ma non fidatevi di Alvaro, è solo venerdi…

REA SCATENATO, SEI VOLTE SOTTO 1’47″0

Jonathan Rea, che giovedi qui a Imola ha presentato la sua biografia in italiano, ha messo a referto quindici giri cronometrati, sei dei quali sotto 1’47″0. Chaz Davies ne ha fatti uno solo, nell’ultimo tentativo, Tom Sykes due e Alvaro Bautista neanche uno. L’analisi del cronologico conferma: la Kawasaki, al momento, ha 2-3 decimi di vantaggio nei confronti della Ducati. Adesso toccherà ai tecnici italiani recuperare terreno: qui a dirigere il lavoro c’è il boss Luigi Dall’Igna in persona. Sabato alle 15:15, dopo il podio di gara 1, Jonathan Rea sarà a disposizione al Paddock Show per firmare copie di “In testa” (qui puoi acquistare il libro on line).

LORENZO ZANETTI, CHE GIOIA

Lorenzo Zanetti, wild card, ha chiuso il venerdi con un fantastico nono tempo, in coda agli ufficiali. Con la Ducati V4R il bresciano è a 1″2 da Rea, con Bautista distante appena mezzo secondo. Zanetti ha fatto meglio di Michael Rinaldi, che ha la stessa moto e corre tutto il Mondiale. E anche di Marco Melandri, relegato in dodicesima posizione. Imola doveva essere la svolta, invece il trend è più o meno quello delle ultime due gare. Almeno per adesso.

IL METEO: SABATO DI SOLE

Per gara 1 (sabato ore 14) il meteo prevede cielo quasi sereno, con temperatura di 21°C, cioè condizioni identiche al venerdi. In precedenza ci sarà la Superpole (ore 11:oo) per definire lo schieramento di partenza. Per domenica invece è annunciato un drastico peggioramento: la possibilità che la gara sprint (ore 11) e gara 2 (ore 14) si disputino con il bagnato – al momento – è assai elevata.

Foto: Diego De Col 

Qui la promozione Motul se hai acquistato il biglietto per Imola WSBK

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike: Due giorni di test del Mondiale a Misano, ingresso a 5€

Superbike: Loris Baz-Yamaha Ten Kate, il debutto nei test a Misano

Superbike: Stefan Bradl si candida per la Honda HRC 2020