Chaz Davies, la retromarcia ha già compromesso tutto?

Chaz Davies è già fuori dai giochi iridati: in sei gare ha fatto appena 18 punti. La crisi si potrà risolvere?

18 marzo 2019 - 17:39

Un anno fa Chaz Davies aveva vinto in Thailandia e dopo i due round d’apertura del Mondiale era a soli 12 punti dalla vetta Mondiale, occupata da Jonathan Rea. Dodici mesi dopo torna in Europa già fuori dai giochi iridati, In sei corse (invece di quattro…) ha totalizzato appena 18 punti, con un sesto posto come miglior piazzamento. Alvaro Bautista, con la stessa Ducati V4R, ha vinto sei volte su sei. La situazione è troppo brutta per sembrare vera, tutti nel paddock si chiede che fine abbia fatto il pilota grintoso che il popolo Ducati amava. (qui risultati e classifica di gara 2)

Ci si mette anche la sfortuna 

Buriram non ha risolto la crisi che attanaglia Chaz Davies fin dai test invernali. In gara 1 è incappato in una scivolata sinistramente simile a quella di un anno fa: stessa curva, la tre, stessa dinamica. Nella seconda il gallese è stato tradito da un guasto al motore. Quando tutto decide di girare male. “Sono ovviamente deluso di non aver potuto concludere la gara e dimostrare il nostro vero potenziale” si difende Chaz Davies.  “Per quanto riguarda il problema tecnico, dopo aver sentito che qualcosa non andava bene ho perso un po’ di velocità, quindi ho deciso di salvaguardare il motore e pensare al resto della stagione. È stato deludente non poter capitalizzare il nostro miglioramento, oggi avevo un buon passo gara e riuscivo a guidare molto meglio di ieri, peccato. Abbiamo comunque le idee chiare sulla direzione da seguire e vedo un po’ di luce in fondo al tunnel”. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Superbike: “Jonathan Rea ora ha un avversario al suo livello”

Superbike: Ducati festeggia le 350 vittorie Mondiali

Supersport 300: Wild card a Imola per Matteo Bertè e ProGP Racing