sito pons

Sito Pons, chiesti 24 anni di carcere per frode fiscale

Sito Pons nei guai con il fisco. Chiesti ben 24 anni di carcere ed una grossa multa (12 milioni di euro) per frode per il periodo 2010-2014.

11 giugno 2020 - 11:33

Il paddock della MotoGP viene investito da un’altra notizia “bomba”. Risale a giugno 2018 l’indagine su Sito Pons, una serie di accertamenti che avevano portato all’accusa di frode fiscale. Come riporta il quotidiano spagnolo ABC, ora è stata resa nota la richiesta fatta dalla Corte Suprema spagnola per quel reato: ben 24 anni di carcere ed una multa da oltre 12 milioni di euro. Questo perché Pons ha evaso 2,7 milioni di euro di tasse nel periodo che va dal 2010 al 2014.

Già due anni prima del via dell’indagine, precisamente nel 2016, la procura di Barcellona aveva riscontrato qualcosa di poco chiaro. Di allora infatti una denuncia sempre per un reato fiscale risalente al 2010, ma l’anno successivo il periodo da considerare si era allargato a 2014. Questo perché l’ex pilota e proprietario di un team Moto2 aveva dichiarato di vivere a Monaco e a Londra in quel lasso di tempo.

La realtà invece era ben diversa: tutte le sue attività economiche venivano svolte attraverso la sua squadra, Pons Racing. Analizzando poi tutti i pagamenti, la Procura ha accertato che è rimasto a Monaco e Londra solo per breve tempo, in concomitanza di qualche evento, mentre invece viveva stabilmente in Spagna. Chiesta ora la pena: come detto, un lungo periodo in carcere e 12 milioni di euro di multa, oltre al pagamento dell’importo mai versato. In attesa dell’inizio della stagione MotoGP questa notizia lascia pensare ad un anno 2020 davvero indimenticabile!

Sito Pons, residenze fittizie e società offshore

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 sam lowes

Moto2, Sam Lowes: “Servivano grandi risultati, ora lottiamo per il titolo”

Coronavirus in Italia

Coronavirus Italia, bollettino 25 ottobre: 128 morti, +80 in terapia intensiva

lowes moto2

Moto2 Teruel: Sam Lowes inarrestabile, 3° successo e leadership iridata