Superbike, Federico Caricasulo

Superbike 2020: UFFICIALE Caricasulo e Gerloff con GRT Yamaha

La formazione ternana chiude la pagina Melandri e diventa junior team di Yamaha Europa. Il ravennate: "Spero di debuttare in WSBK da campione del Mondo"

21 ottobre 2019 - 14:38

Lo avevamo già scritto a tempo debito, adesso è ufficiale: GRT Yamaha correrà il Mondiale Superbike con Federico Caricasulo (nella foto d’apertura con il team owner Filippo Conti) e l’americano Garrett Gerloff. Per la seconda stagione in top class la formazione satellite di Yamaha Europa, che ha sede operativa a Terni, punta su due giovani leoni. Caricasulo, 23 anni, sabato si giocherà il Mondiale Supersport nella sfida spareggio con il compagno-rivale Randy Krummenacher. Gerloff, 24 anni, è invece reduce da un’ottima annata nel MotoAmerica, sempre con Yamaha, conclusa al terzo posto finale, con quattro vittorie. Nelle due stagioni precedenti, sempre con Yamaha, Gerloff (nella foto sotto) aveva dominato la Supersport.

“SOGNO AD OCCHI APERTI”

Per me questo è un sogno diventato realtà” ha commentato Federico Caricasulo a margine dell’annuncio ufficiale. “Avere la possibilità di debuttare nel WorldSBK è già fantastico, ma avere l’opportunità di farlo con Yamaha e in un team che conosco bene è semplicemente incredibile. Con GRT Yamaha sono approdato al Mondiale (nella serie cadetta, ndr), quindi sono entusiasta di tornare indietro e iniziare questa nuova avventura. Ma per ora, devo metterlo da parte e concentrarmi sul gara finale della stagione nella classe Supersport. Sono secondo in campionato, a soli otto punti dalla vetta, quindi è ancora tutto da decidere. Niente mi renderebbe più felice che passare al WorldSBK come campione del Mondo, ed è esattamente l’obiettivo che proverò a raggiungere in Qatar”.

“MI MANDA BEN SPIES”

Devo dire  grazie a Yamaha Motor USA per tutto quello che hanno fatto per me, per avermi fatto crescere in un programma di largo respiro” ha detto Garrett Gerloff“Non sarei dove sono ora nella mia carriera senza il loro aiuto. Sono davvero entusiasta di poter salire di livello con la stessa marca,   questa volta con il Team Junior WorldSBK Yamaha GRT. Non vedo davvero l’ora di rappresentare l’America all’estero. È qualcosa che ho sempre sognato di fare e qualcosa per cui mi stavo preparando, e mi sento pronto a farlo. Apprezzo davvero Yamaha Europa che mi dà l’opportunità. Voglio anche ringraziare molto Ben Spies per avermi aiutato molto negli ultimi mesi e avermi fatto conoscere il mio nome e spingere davvero per me. Ho un sacco di obiettivi che voglio davvero raggiungere il prossimo anno, con l’aiuto della squadra e la Yamaha R1 avrò una grande opportunità di raggiungerli. So che non sarà facile, ma non mi arrendo mai. Sono pronto a spingermi e continuare a inseguire il mio sogno! “

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ducati, Marco Zambenedetti

Superbike: Marco Zambenedetti “Ducati Mondiale? Dovremo essere perfetti”

EICMA 2019

EICMA, quasi 800.000 persone per la ‘rivoluzionaria’ edizione 2019

Marc Marquez e suo fratello Alex

Festa doppia a Cervera per Alex e Marc Marquez