Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

“Valentino Rossi mi ha allucinato”: l’ex pilota ricorda una giornata al Ranch

L'ex pilota Efrén Vázquez ricorda una giornata al Ranch di Valentino Rossi come una delle giornate più entusiasmanti della sua carriera.

5 luglio 2020 - 9:53

Il Ranch di Valentino Rossi ha il suo fascino sui giovani piloti. Il giovane malese Pawi sogna un giorno di potersi allenare nella struttura a Tavullia, chi c’è stato non ha dimenticato quella splendida esperienza. É il caso dell’ex pilota Efrén Vázquez, ritiratosi nel 2016 dopo un infortunio, distintosi soprattutto nella classe Moto3 con dieci podi e due vittorie. 4° posto nella stagione 2014 come miglior risultato in carriera. Non ha mai lasciato definitivamente il mondo delle due ruote ed oggi gestisce una scuola per piloti.

AL RANCH ESPERIENZA INDIMENTICABILE

Non ha mai raggiunto la classe regina, quindi non ha avuto l’onore di poter sfidare Valentino Rossi. Ma nella sua mente resta indelebile il ricordo di quella giornata al Ranch nel 2012. Lo spagnolo si è detto quasi “allucinato” da quell’esperienza e dal carisma del Dottore. Il suo giudizio sul nove volte campione è stato spesso altalenante, ma quella giornata ha definitivamente chiarito le sue idee. “La verità è che personalmente ho cambiato più volte la mia opinione su Valentino Rossi. Quando ha iniziato mi ha affascinato. L’ho ammirato. Negli anni 2004-2005 è arrivato il momento in cui volevo vincesse un altro pilota. Ma da qualche anno non posso che togliermi il cappello davanti alla sua passione per le competizioni“.

41 anni pienamente compiuti e davanti a sé l’idea di proseguire anche nella stagione 2021. Valentino Rossi è una leggenda che sembra non tramontare mai. “L’ho visto al Ranch nel 2012 quando mi ha invitato ad un allenamento – ha aggiunto Efrén Vázquez -. Ero allucinato. Un campione tra i giovani, che dava consigli, si intratteneva con tutti, con tutti noi su una panca di legno, indipendentemente dal pilota che sei. Questa passione per la moto accresce l’ammirazione. Ogni giorno che passa, continuerà ad avere il mio rispetto. Non sono niente accanto a lui, ma lo ammiro e lo apprezzo molto. Farà parte della storia, per sempre“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez in palestra

MotoGP, Marc Marquez e la leggenda metropolitana del terzo intervento

quartararo motogp aragon

MotoGP, la tecnica: cos’è successo davvero a Quartararo ad Aragón?

alex rins motogp

MotoGP, Teruel: Alex Rins morale alle stelle. “Mi piacerebbe ripetermi…”