MotoGP, Valentino Rossi al Red Bull Ring

MotoGP, Valentino Rossi: nodo elettronica-launch control-holeshot

Valentino Rossi e il suo team MotoGP lavorano sull'elettronica per perfezionare la partenza. Il nuovo dispositivo holeshot sta causando qualche problema alla sua M1.

12 agosto 2021 - 9:20

Il 13° posto in Styria lascia ancora dell’amaro in bocca a Valentino Rossi, intenzionato a chiudere la sua carriera in MotoGP con un buon ricordo. In vista del prossimo week-end, insieme a David Munoz e Matteo Flamigni e il gruppo tecnico, sta lavorando sull’elettronica del launch control per migliorare la partenza, a seguito dell’aggiunta del dispositivo holeshot anteriore. Nell’ultima gara è scivolato dal 17° al 19° posto prima di recuperare qualche posizione nel corso del Gran Premio. Ma si va alla ricerca di una inversione di tendenza.

Su una pista dove accelerazione e top speed sono fattori imprescindibili, la Yamaha M1 deve giocare in difesa. Ma adesso la priorità è l’elettronica: “Nelle ultime gare abbiamo introdotto il dispositivo di avviamento anche all’anteriore, abbiamo dovuto modificare l’elettronica e questo è un problema. Di solito partivo meglio prima di questa modifica. Quindi per questa gara abbiamo lavorato e siamo migliorati, ma non siamo ancora al 100%“.

Obiettivo qualifiche e poi l’addio

L’altra pecca che Valentino Rossi si trascina da anni è la qualifica. Partire nel gruppone posteriore costringe alla bagarre con gli altri nei primi giri, dove tutto può accadere e perdere posizioni è pane quotidiano. “Nel primo giro sicuramente tutti sono molto, molto aggressivi. E quando sei nel gruppo con tutte le altre moto che sono più veloci in rettilineo, è difficile non perdere nessuna posizione, perché provi a frenare forte ma comunque hai già l’altro ragazzo al tuo fianco. Per questo per noi non è facile adesso al primo giro”.

All’indomani del primo appuntamento austriaco Valentino Rossi è ritornato a Tavullia ad allenarsi, da oggi sarà ai box per studiare come perfezionare la YZR-M1 sui dati di alcuni giorni fa. L’obiettivo è centrare la seconda top-10 stagionale, un po’ poco per un nove volte campione del mondo. Da qui la scelta di dire addio alla MotoGP annunciata alla vigilia del GP di Styria in pompa magna. Ultimi tre mesi nel paddock in veste da pilota, poi la mente sarà orientata alle corse automobilistiche. A casa si allena con un simulatore di ultimissima generazione e quel che sembra certo è che ci metterà il cuore anche nella prossima avventura professionale.

Per i tuoi massaggi Thai

1 commento

FRA 1988
10:58, 12 agosto 2021

Rossi non ha mai avuto una partenza fulminante e lo dimostrano le innumerevoli volte in cui ha dovuto superare in carriera. Quando era al top aveva tutto sotto controllo e non si preoccupava se dopo la prima curva era 6° o 7°. In Hrc era talmente superiore da giocare con gli avversari, partendo sempre a rilento per fare show ma si sapeva già chi avrebbe vinto a fine gara. In Yamaha ci ha lavorato maggiormente contro rivali come Lorenzo,Stoner,Pedrosa o Marquez non si poteva più scherzare.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Da Dovizioso aspettiamo info su Ducati”