MotoGP, Valentino Rossi al Mugello

MotoGP, Valentino Rossi: “Che senso ha continuare?”

Valentino Rossi chiude la gara del Mugello al 10° posto. Ma in molti si interrogano se avesse senso continuare dopo la notizia della morte di Dupasquier.

30 maggio 2021 - 19:12

Valentino Rossi chiude questa pagina del Mugello 2021 con un decimo posto. Un altro risultato da archiviare, che passa in secondo piano dinanzi alla tragedia di Jason Dupasquier, morto stamattina dopo un’agonia di circa 12 ore. Difficile scendere in pista dopo che intorno a mezzogiorno è giunta la notizia che nessuno avrebbe voluto sentire. “Dopo quello che è successo a Jason ieri, perché corriamo? Tutto perde senso. Ma penso anche che non avrebbe avuto molto senso non correre oggi. Perché purtroppo quello che stiamo facendo oggi non cambia quello che è successo a Jason ieri“.

Un senso per continuare

In molti si chiedono se lo show fosse proseguito se fosse accaduto ad un pilota della MotoGP. “Secondo me sì. Nel 2011 il GP della Malesia è stato cancellato, ma perché è successo in gara – prosegue Valentino Rossi -. In passato, però, si è guidato a Barcellona o Misano. Non credo ci siano discriminazioni. Non so se è giusto guidare o no. Forse no, ma cosa cambia? Quello che è certo è che è difficile per tutti. Tutti avrebbero voluto fare le valigie e tornare a casa. Se ci avessero mandato a casa, avrei acconsentito. Ma la prossima settimana c’è un’altra gara“. In certe situazioni un pilota non può che tenere alta la concentrazione e circondarsi “di amici, della tua squadra, della tua ragazza, pensare solo alla gara. Ma onestamente è stato molto difficile“.

Week-end in progressione

L’incidente accorso a Jason Dupasquier era inevitabile. Si possono aumentare gli standard di sicurezza dei circuiti, delle piste, delle tute. Si può intervenire con un regolamento più severo. Ma quando un pilota cade a terra, non si può fare nulla per evitare che venga travolto. Chiuso il capitolo tragico resta da analizzare un decimo posto che non soddisfa in pieno Valentino Rossi. “La mia partenza è stata buona, ho superato due piloti contemporaneamente, ma purtroppo alla prima curva ho toccato qualcuno e ho perso tempo. Dopo di che ero quasi l’ultimo. Alla fine sono tra i primi 10, il che non è certo fantastico – ha concluso il campione di Tavullia -. Ma se guardi alla nostra situazione non è poi così male. Abbiamo raccolto alcuni punti. E siamo riusciti a migliorare durante il week-end. Quindi oggi non è andata così male“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò prova diversamente: “Copierò Marc Marquez”

matsuyama moto3

Moto3: Honda Team Asia a tre punte ad Assen, si rivede Matsuyama

MotoGP Aramco VR46 Ducati

MotoGP: ecco Aramco VR46, team satellite Ducati. Con Valentino Rossi?