Jorge Viegas presidente FIM

MotoGP-Superbike: senza vaccino calendari straordinari nel 2021

MotoGP e Superbike resteranno in Europa anche nel 2021 se non sarà disponibile un vaccino contro il Coronavirus. Jorge Viegas: "Dobbiamo conviverci".

6 agosto 2020 - 16:02

MotoGP e Superbike hanno lasciato Jerez per atterrare l’una in Repubblica Ceca e l’altra a Portimao. I calendari dei rispettivi Mondiali si svolgeranno esclusivamente in Europa fino a quando l’emergenza Covid 19 non sarà finita. Per la stagione 2021 difficile attendersi grandi novità se non ci sarà un vaccino, il rischio è di ritrovarsi a fare i conti ancora una volta con calendari abbreviati e spalmati in pochi mesi.

I viaggi internazionali sono ostacolati dalle ferree leggi sanitarie imposte da molti governi, a volte sono impossibili. Tant’è che il personale giapponese della MotoGP non potrà fare ritorno a casa fino al termine del campionato. Restrizioni che portano conseguenze anche sul turismo con drammatiche ripercussioni finanziarie. Di recente Dorna ha cancellato anche gli eventi in Argentina, Thailandia e Malesia, nonostante il cauto ottimismo di inizio estate verso le rotte orientali.

Rotte extra-europee a rischio nel 2021

I calendari 2021 non verranno diramati prima di metà dicembre e saranno molto flessibili, con il rischio che molte date vengano annullate poche settimane prima. Il presidente della FIM Jorge Viegas si ritrova a dover affrontare una situazione senza precedenti. “Cerco di motivare tutti e risolvere i problemi ogni giorno, perché questa crisi cambia ogni giorno – racconta a Speedweek.com -. Quando rimandiamo le gare, non sappiamo cosa aspettarci il giorno successivo; questo lo rende una grande sfida“. MotoGP e Superbike non riprenderanno il loro tragitto extra-europeo fino a quando non sarà disponibile un vaccino. “Vogliamo tornare dove eravamo prima. È uno sport globale e non possiamo correre solo in Europa. Ciò riguarda non solo il campionato mondiale Superbike, ma anche la MotoGP“.

Inevitabilmente il pensiero e i progetti sono già rivolti alla stagione 2021. Ma fare programmi è impossibile e dovremo prepararci ad un secondo “Mondiale continentale”. “Se possiamo tenere i campionati solo in questo modo straordinario, dobbiamo conviverci – conclude il presidente FIM -. Il mio desiderio è di poter tornare alla normalità. Vogliamo organizzare gare in Asia, Sud America, ecc“. Ma avverte: “Non so se sarà possibile l’anno prossimo“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, la storia: Kreidler e la 50cc, una categoria dimenticata (parte 1)

Valentino Rossi con la Ferrari GT3

Valentino Rossi e Franco Morbidelli: destini incrociati anche sulle 4 ruote

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Andrea Dovizioso: il filo della speranza si chiama Repsol Honda