MotoGP, Pecco Bagnaia

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Mondiale? Devo essere un pilota migliore”

Pecco Bagnaia 3° in classifica MotoGP a metà stagione. Il pilota Ducati punta su se stesso per compiere un ulteriore step.

4 luglio 2021 - 16:52

Non è ancora tempo di vacanza per Pecco Bagnaia, candidato al titolo MotoGP. Terzo in classifica a quota 109, con un distacco di 47 punti da Fabio Quartararo e 10 Gran Premi ancora da disputare. Il piemontese della Ducati paga a caro prezzo qualche errore nelle qualifiche, ma per la seconda parte del Mondiale non ha nessuna intenzione di mollare la presa. In questi giorni si è allenato sul circuito di Misano e non solo.

A Modena è salito sulle quattro ruote per la gara cronometrata “The Race of Made in Italy” nell’ambito del Motor Valley Fest. In pista tra gli altri anche Bastianini, Ferrari e Pasini. Pecco Bagnaia si carica ogni responsabilità sulle spalle, certo del potenziale della sua Ducati GP21. La corsa al titolo MotoGP è ancora nelle sue mani. “Ci proverò, è il nostro obiettivo, sappiamo che abbiamo il potenziale per farlo però dobbiamo consolidare il lavoro che stiamo facendo. Devo essere un pilota migliore. C’è da fare lo step nei primi giri di gara e avere una moto che mi venga dietro in certe situazioni. Un lavoro che dovrò fare io“.

Sul circuito allestito al Parco Novi Sad di Modena presente anche Davide Tardozzi. Il team manager Ducati esclude categoricamente un ipotetico approdo di Maverick Vinales nella fila di Borgo Panigale. Il mercato piloti MotoGP è in fibrillazione in queste settimane, in attesa di conoscere i prossimi cambiamenti per la stagione 2022. Ma spezza una lancia a favore della connazionale Aprilia. “Mi dispiace che Maverick abbia fatto questa scelta, avrà le sue motivazioni. Al momento siamo felicissimi di Pecco e Jack e degli altri piloti che abbiamo. Spero che Vinales rimanga in MotoGP, è un pilota importante e velocissimo. Chiaramente auguro ad Aprilia di avere i migliori piloti possibili per avere la maggior competitività possibile“.

2 commenti

FRA 1988
17:15, 4 luglio 2021

Pecco ha il limite della costanza di rendimento e può pensare al campionato solo se facesse doppietta in Austria. Non facesse bottino pieno le chance sarebbero molto risicate. Quartararo può gestire e ha una forza mentale diversa dall’anno scorso.

    Max75BA
    14:34, 5 luglio 2021

    Non ha senso avere aspettative per il titolo, confermarsi in top 3, possibilmente senza farsi precedere da una Ducati non ufficiale…e vincere almeno una gara è un buon obbiettivo al primo anno sulla Ducati ufficiale…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”