vinales motogp

MotoGP, Misano: Viñales che pole, Yamaha domina la top 4

Maverick Viñales stampa una pole position da record a Misano. Quartetto Yamaha con Morbidelli, Quartararo e Rossi, poi le Ducati Pramac.

12 settembre 2020 - 14:57

Maverick Viñales vola e riscrive il record del circuito, ma è Yamaha che continua a fare la voce grossa nel GP MotoGP di San Marino. Dietro all’imprendibile spagnolo infatti si piazzano Franco Morbidelli, Fabio Quartararo e Valentino Rossi, ricordiamo al comando nelle FP3 (qui il suo segreto?). Una top 4 Yamaha storica, mai vista nella classe MotoGP (l’ultima volta infatti è successo in 500cc nel 1988). Buon risultato per gli acciaccati Miller e Bagnaia, subito dietro alla truppa della casa dei tre diapason, chiudono la classifica le due KTM. Gara assolutamente da non perdere domenica alle 14:00.

Q1: PASSANO P. ESPARGARO E OLIVEIRA

Si comincia sempre con la Q1, che forse a sorpresa vede in azione tutte e quattro le KTM, oltre alla rossa di Petrucci. In evidenza fin da subito i fratelli Espargaró, che a lungo si mantengono nelle due posizioni utili per passare il turno. Questo fino a pochi secondi dalla bandiera a scacchi, quando Miguel Oliveira si inserisce tra i due in seconda posizione. Coppia KTM quindi che accede al secondo turno, col portoghese poco dietro a Pol Espargaró.

Q2: VINALES RISCRIVE IL RECORD ASSOLUTO

Ecco schierati i 12 piloti in Q2, scatta la battaglia per assicurarsi la pole position a Misano. Si perde subito Pol Espargaró, protagonista del secondo incidente di giornata, mentre si accende subito la lotta a suon di tempi cronometrati. Svettano ancora una volta le Yamaha, tutte insieme a blindare la testa della classifica, ma è Maverick Viñales ad emergere su tutti, riscrivendo il nuovo record assoluto della pista (il precedente record era un 1:31.629 di Lorenzo). Gli alfieri Petronas Franco Morbidelli e Fabio Quartararo scatteranno accanto a lui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, il box Tech3 di Miguel Oliveira

MotoGP, caos in casa KTM: Red Bull vuole separarsi da Tech3

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Pecco dimostra che Ducati è veloce ovunque”

moto3 motoe simoncelli

Paolo Simoncelli: “Orgoglio Casadei. Antonelli? In questo momento è fragile”