MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, ‘remuntada’ Marc Marquez: -40 punti e un paddock trasformato

Marc Marquez ritorna in MotoGP dopo 9 mesi di stop. 40 i punti da recuperare in classifica iridata e tante novità con cui fare i conti a Portimao.

10 aprile 2021 - 19:28

Luce verde nel box Repsol Honda, Marc Marquez può tornare sulle piste della MotoGP. 40 i punti da recuperare al leader provvisorio Johann Zarco, 425 i punti in palio divisi per 17 Gran Premi. Al rientro troverà una RC213V diversa ma anche avversari più agguerriti. A cominciare da due Suzuki che sembrano non soffrire l’usura delle gomma, con Joan Mir che non aspettava altro che potersela giocare contro il pluricampione. La stagione 2020 ha rivelato come i team satelliti non abbiano nulla da invidiare alle squadre factory. Nell’altro angolo del box non ci sarà più suo fratello Alex, ma il neo arrivato Pol Espargarò, pronto a soffiargli i dati della telemetria. Troverà delle KTM agguerrite, un’Aprilia che ha finalmente compiuto un decisivo step. Due Yamaha factory che si tirano a vicenda e, soprattutto, nuove leve in livrea Ducati.

Il congelamento dei motori assottiglia ulteriormente il gap tra i rivali, i piloti delle strutture satelliti avranno pari possibilità di ambire al podio. In Qatar la top-15 era raccolta in meno di 9 secondi. Sarà una MotoGP abbastanza diversa quella che ritroverà Marc Marquez, il cui stato di forma resta un rebus. Perché il callo osseo è consolidato, ma cosa può succedere in caso di un’altra caduta? Vietato prendere troppi rischi a Portimao, in attesa che il tempo giochi a suo favore. Anche una settimana in più di riposo e riabilitazione può contare tanto. La priorità è uscire indenni dal Portogallo e magari con i primi punti iridati. Tornare a pieno regime richiederà qualche GP, ma molti sono pronti a scommettere che sarà subito da podio.

Ad attendere Marc Marquez non è solo il team HRC, ma l’intera griglia della MotoGP. Tutti attendono il confronto con il più grande campione degli ultimi tempi. E in Repsol Honda sperano di mettere fine ad una lunga scia negativa che prosegue dall’inizio del 2020 e ha portato appena due podi. Nei prossimi giorni Stefan Bradl girerà a Jerez per un test privato, poi sarà a Portimao per seguire da vicino il ritorno del fenomeno di Cervera e ascoltare i suoi feeback. Non ci saranno pressioni, il prossimo week-end servirà per valutare le sue condizioni. Nel garage troverà il nuovo arrivato Pol Espargarò: “Ora abbiamo un ottimo rapporto e non dobbiamo essere amici, né andare a cena insieme. Ma nel box avremo un rapporto cordiale e una buona atmosfera“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”