MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

Joe Roberts ha respinto l'offerta Aprilia in MotoGP per tentare l'assalto al titolo Moto2 con Italtrans. Il manager Eitan Butbul: "Siamo delusi, occasione persa".

30 novembre 2020 - 10:30

Joe Roberts era nella lista dei piloti prescelti da Aprilia per sostituire Andrea Iannone nella stagione MotoGP 2021. Il pilota americano ha preferito declinare l’offerta per tentare l’assalto al titolo Moto2 con la squadra campione in carica Italtrans Racing. Nei giorni scorsi ha iniziato a prendere confidenza con la moto di Enea Bastianini, senza nessun rimorso per non essere asceso in classe regina. D’altronde il suo passaporto a stelle e strisce era un ottimo affare per il Gruppo Piaggio. Quindi, fiutato l’escamotage, il 23enne di Malibù ha risposto picche.

Aprilia opzione giusta

La casa di Noale è stata leale al suo ex pilota Andrea Iannone fino all’ultimo, quando lo scorso 11 novembre il TAS lo ha condannato a 4 anni lontano dalle piste. A quel punto i tempi erano troppo corti per cercare una valida alternativa, soprattutto alla luce del dietrofront di Cal Crutchlow e dei rifiuti di Andrea Dovizioso prima e Marco Bezzecchi poi. Joe Roberts sembrava un sì scontato da ufficializzare nel weekend di Portimao, ma all’indomani della gara il mancato annuncio ha lasciato intendere il mancato accordo. Una scelta personale e decisa del pilota, che non ha però trovato il parere favorevole del suo manager Eitan Butbul, tra l’altro team principal di American Racing. “Secondo me, in Aprilia ha avuto una grande opportunità – riporta Speedweek.com -. Tutto era pronto per la firma, ma all’ultimo minuto ha fatto marcia indietro e ha deciso di non farlo. Hopkins e io abbiamo pensato che avrebbe dovuto farlo, era una buona occasione per lui“.

Joe all’assalto del titolo Moto2

Il vero motivo è che Joe Roberts preferisce restare alla ribalta in Moto2 piuttosto che nelle retrovie in MotoGP. Tra l’altro l’età gioca a suo favore e con Italtrans ha una ghiotta occasione per l’assalto al Mondiale. “Sappiamo che voleva restare in Moto2 e avere una possibilità per il titolo. Ma non capita tutti i giorni che un pilota che è nel Motomondiale solo da tre anni ed è appena entrato nella top 10 abbia la possibilità di passare a una squadra ufficiale… Per noi è stata una delusione, avremmo voluto lavorare con Aprilia”. Saranno i risultati, sia del team veneto che dell’atleta californiano, a decretare se abbia preso la decisione giusta. “Aprilia ha fatto tanti passi avanti, credo che il prossimo anno sarà una buona moto – conclude Butbul -. Joe poteva entrare in un team molto forte“.

1 commento

Anonimus
13:47, 30 novembre 2020

Ha fatto la scelta più saggia…. Se veramente è stato Joe a prendere questa decisione, allora è più intelligente del suo manager.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Iker Lecuona

MotoGP, Iker Lecuona critica KTM: “Non è corretto”

MotoGP, Alberto Puig

“MotoGP senza Valentino Rossi? La vita va avanti”: la freddura di Puig

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, trattativa Aprilia-Espargarò: rinnovo o ipotesi collaudatore