MotoGP, Fabio Quartararo a Portimao

MotoGP, Fabio Quartararo ‘rifiuta’ una BMW: “Ho vinto qualcosa”

Fabio Quartararo miglior poleman della stagione MotoGP 2020. Vince una BMW che cede a suo padre e ammette: "Andrà da uno psicologo per gestire le emozioni".

22 novembre 2020 - 9:48

Fabio Quartararo ha perso una grande occasione per vincere il suo primo titolo MotoGP, ma a Portimao ha ricevuto un premio di consolazione. Dopo il 5° posto nelle qualifiche si è aggiudicato il BMW M Award 2020 come miglior pilota nelle sessioni di qualifica. Il francese del team Petronas SRT ha ricevuto una BMW M2 CS come miglior poleman, interrompendo la lunga scia di Marc Marquez anche in questa premiazione. L’auto sportiva vanta un potente motore V6 biturbo in grado di generare 450 CV di potenza e di scattare da 0 a 100 k/h in meno di 4 secondi. Un gioiellino del valore di oltre 100mila euro che Fabio ha deciso di ritirare e subito cedere…

Il 21enne della Yamaha nella stagione MotoGP 2020 ha collezionato quattro pole position e un totale di 225 punti in questa speciale classifica. Ha battuto la concorrenza di Maverick Vinales con tre pole superandolo di 13 punti. Sull’asfalto di Portimao gli è stata consegnata l’auto che, per ironia della sorte, è la stessa che ha acquistato nel 2018 di tasca sua. ‘El Diablo’ ha quindi deciso di regalare la BMW a suo padre che ha accolto con gioia: “Almeno ho vinto qualcosa“, ha commentato ironicamente Fabio Quartararo. “Il premio è per mio padre. È una cosa carina perché dopo ogni qualifica ne abbiamo sempre parlato un po’ e finalmente ho potuto fargli questo regalo. Sarò io a configurare la macchina, ma la darò a lui“. Il francese è il primo pilota oltre a Marc Marquez a vincere il BMW MotoGP Award dal 2013. Da allora il pilota di Cervera ha accumulato un totale di sette BMW sportive , la maggior parte delle quali già nelle mani dei suoi parenti.

La preparazione psicologica di Fabio

Per Fabio Quartararo la stagione MotoGP si chiude con l’amaro in bocca, dopo un inizio davvero entusiasmante. Dopo le due vittorie nelle prime due gare sembrava il grande favorito, additato da molti come l’anti-Marquez. Ma da Brno in poi la M1 ha fatto emergere tutti i suoi limiti tecnici. Nel 2021 spera di avere una moto all’altezza della situazione e una migliore preparazione psicofisica… “La prossima settimana voglio solo rilassarmi e prendermi una pausa da tutti i media e cose del genere. Voglio disconnettermi completamente dalla moto e andare a vedere la mia famiglia, perché onestamente è passato molto tempo dall’ultima volta che li ho visti davvero. Sarà quindi molto importante disconnettersi. Per quanto riguarda il lato emotivo, ho già iniziato a lavorare per essere più calmo e gestire meglio le mie emozioni. Incontrerò uno psicologo a casa mia la prossima settimana. Ci sono stato alcune volte in passato, ma ci andrò più spesso perché penso che piccole differenze possano apportare grandi cambiamenti“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore