MotoGP, Bradley Smith

MotoGP, Bradley Smith svela le carte: “Aprilia deve decidere”

Bradley Smith svela il "mistero" della foto Yamaha pubblicata sui social. Non si chiama fuori dai gochi MotoGP ma invita Aprilia a prendere una decisione.

17 febbraio 2021 - 19:22

Bradley Smith non si ritiene ancora fuori dai giochi della MotoGP. Nel primo test privato a Jerez, Aprilia ha schierato Aleix Espargarò e Lorenzo Savadori. Da Noale non hanno annunciato ufficialmente il destino del pilota britannico, che nella stagione 2020 ha sostituito Andrea Iannone. Dal canto suo Smith dice di essere ancora in trattativa. “I colloqui continuano ad essere in corso. Aprilia deve decidere cosa è meglio per il suo progetto a breve e lungo termine. E io devo decidere cosa è meglio per me e per la mia carriera. Ho detto molto chiaramente che sono un pilota e voglio il sedile ufficiale – spiega a bikesportnews.com -. Non sono ancora pronto per una vita da pensionato di test“.

Tra team e pilota sembra esserci incongruenza di ruoli. Si ritiene più veloce di Lorenzo Savadori senza mezzi termini, quindi chiede ad Aprilia di prendere una decisione. “In un mondo ideale avrei bisogno di essere clonato, perché se fossi pilota e collaudatore sarebbe lo scenario migliore per Aprilia. Ma come sappiamo non è possibile. Quindi per Aprilia, sembra meglio se sviluppo la moto e disputo qualche wild card… Se Savadori fosse il collaudatore non andremmo da nessuna parte… Sanno che sono il pilota più veloce“.

I progetti futuri di Smith

Bradley Smith intanto pianifica altri progetti extra-MotoGP con il suo manager Bob Moore. Nei giorni scorsi ha pubblicato sui social la foto di una Yamaha con la postilla “Project 109 is complete”. L’alfiere Aprilia annuncia l’idea di una squadra nella ESBK 300 in Spagna. L’esordio nel 2021 o al massimo nel 2022, molto dipenderà dalla pandemia Covid. L’obiettivo è far crescere giovani talenti che possano scalare le categorie fino al Motomondiale. “Per quanto riguarda il ‘Progetto 109’, questo è un progetto in continua evoluzione tra me e [l’ex pilota GP e Campione europeo Stock600] Corti da cui il titolo, 71 + 38. Il progetto 109 correrà parallelamente al team di gara fornendo giornate di coaching specificatamente rivolto alla classe 300“.

Svelato anche il mistero della Yamaha R3 postata sul suo profilo Instagram. “Stiamo anche valutando come possiamo fornire tempo in pista e istruzione ai piloti su piste da corsa in Italia… Ho acquistato 2 Yamaha da YART per iniziare a girare e spero di impostare alcuni programmi di insegnamento in Italia in un futuro non lontano. Non solo faremo gli allenatori, ma gireremo anche con loro in pista“. Lo stesso progetto verrà eseguito anche nel Regno Unito. Per quanto riguarda il campionato spagnolo Superbike avrà inizio ad aprile, quindi i tempi stringono per una decisione finale.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

voiedegarag_15199617
0:10, 18 febbraio 2021

Tra Savadori e Smith ci sono solo 2 anni e 5 mesi di differenza d’età (rispettivamente 27 anni e 10 mesi contro 30 anni e 3 mesi).

Chi sia il più rapido si è visto, anche se è assolutamente vero che Savadori era solo al debutto in MotoGP ; ma non è che possa ragionevolmente rappresentare il futuro dell’Aprilia.

Se stesse a me penso che prenderei Smith per dare priorità allo sviluppo della moto, tanto per vincere un campionato temo purtroppo siano tutti e due fuori gioco.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Stefan Bradl: “Stupido l’atteggiamento di Jorge Lorenzo”

motogp ducati

MotoGP: Ducati, che inizio! Ora si può davvero sognare in grande?

alessandro zaccone motoe

MotoE, inizio “italiano” a Jerez. Zaccone: “Quest’anno ci divertiremo”