quartararo bagnaia motogp

MotoGP 2021, le “prime volte” di Quartararo, Bagnaia e non solo

Primi podi, prime vittorie ed altro in questa stagione 2021. Rivediamo tutti i risultati di questo tipo ottenuti dai protagonisti della MotoGP.

27 dicembre 2021 - 18:57

Si è chiusa un’intensa stagione MotoGP, con il primo campione francese in top class e le Ducati in forte crescita. Come avvenuto in Moto3 ed in Moto2, chiaramente anche in questa categoria non sono mancate le “prime volte”, ovvero i primi risultati importanti. I nomi? Certamente non mancano in lista Fabio Quartararo e Francesco Bagnaia, oltre ai due esordienti di rilievo del 2021, senza dimenticarci anche di un marchio in particolare. Vediamo quindi tutti i nomi ed i rispettivi motivi.

Pecco Bagnaia 

Iniziamo da colui che è nella seconda metà dell’anno è diventato l’uomo di punta della Rossa di Borgo Panigale. Nonché il pilota delle grandi speranze per il 2022… Ma rimaniamo in questo campionato, iniziando dalla sua prima pole position (delle cinque totali), arrivata in occasione del primo GP dell’anno in Qatar. Seguono alcuni podi, non i primi per Pecco in top class, finché non si porta in alto a partire dall’evento ad Aragón. È qui che arriva la sua prima vittoria in MotoGP, a cui ne seguiranno altre tre, compresa quella che chiude la stagione 2021. Peccato per l’incidente nel GP dell’Emilia Romagna (quand’era nettamente in testa) che chiude i giochi iridati, ma si riparte da questi risultati per sognare ancora più in grande l’anno prossimo.

Jorge Martín

Il miglior esordiente nella classe regina nella stagione 2021, una grande annata nonostante il brutto incidente di Portimao-1. All’alfiere Pramac Ducati bastano appena due GP: nel secondo evento a Doha infatti Martín si prende la prima pole position nella categoria regina. Non è finita: a lungo domina la gara, prima di cedere il passo sia a Quartararo che a Zarco, ma arriva così il primo podio MotoGP per l’esplosivo debuttante spagnolo. Come detto, segue il botto in Portogallo che ‘rallenta’ la sua crescita, ma rieccolo protagonista nel GP di Stiria. Stavolta non si accontenta di un podio, ma si prende di autorità la prima vittoria in top class (e finora unica) dopo la seconda pole dell’anno.

Aprilia-Aleix Espargaró

In questo caso vale la pena inserire anche un marchio in particolare, visto che si è trattato di un momento storico. Un risultato cercato a lungo tra le varie difficoltà di un progetto non facile da portare avanti nella più che competitiva MotoGP attuale. Ma Aleix Espargaró aveva promesso un podio agli uomini di Noale ed a Silverstone ecco che l’opportunità si è concretizzata. Dopo una bella battaglia con Miller, il catalano regala ad Aprilia la terza piazza, ovvero il primo storico podio nella classe regina per il marchio italiano. Per il momento rimasto l’unico, ma la casa veneta continua il lavoro con la speranza di ripetersi quanto prima, sia con il #41 che con il nuovo arrivato in corsa, Maverick Viñales.

Enea Bastianini 

Arriviamo al secondo esordiente capace di lasciare il segno in questa sua prima stagione MotoGP. C’è voluto un po’ di più rispetto al collega spagnolo, ma ecco che anche l’iridato Moto2 2020 inizia ad ottenere risultati sempre più solidi. Ma è a Misano che l’alfiere Avintia brilla di più: nel Gran Premio di San Marino lo vediamo risalire costantemente dalla 12^ posizione in griglia, fino ad agguantare con le unghie e con i denti la terza posizione al traguardo. È così che arriva il suo primo podio da pilota della classe regina, con anche annesso primo giro veloce in una corsa. Una P3 che riuscirà poi a ripetere anche nel secondo evento disputato sul tracciato italiano.

Fabio Quartararo 

Non poteva certo mancare in questa lista colui che ha scritto la storia per la Francia in MotoGP. Le prime pole, i primi giri veloci, i primi podi e le prime vittorie li aveva tutti già ottenuti nel 2019, suo anno d’esordio nella classe regina. Ma c’era una “prima volta” che non aveva ancora mai ottenuto in nessuna categoria mondiale, considerando che non aveva particolarmente brillato né in Moto3 né in Moto2. Già nelle due annate precedenti aveva fatto vedere grandi cose, in questo 2021 ecco la ciliegina sulla torta in occasione del GP dell’Emilia Romagna. L’incidente del rivale Bagnaia ed il quarto posto alla bandiera a scacchi gli permettono di dare il via alla festa: ecco il suo primo iride, il primo per la Francia nella classe regina ed il primo per Yamaha dopo un lungo digiuno.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci KTM Dakar

Il consiglio di Danilo Petrucci: “Piloti MotoGP, provate la Dakar!”

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Espargarò: “Ammiro Dovizioso, purtroppo Iannone è fuori”

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso verso l’addio… sulla scia di Valentino Rossi