MotoGP, Valentino Rossi e Alessio Salucci

MotoGP, Valentino Rossi: il team satellite VR46 è in dubbio

Alessio Salucci, braccio destro di Valentino Rossi, parla del team satellite MotoGP VR46: "Progetto ancora in dubbio, serve il budget".

16 aprile 2021 - 13:14

Sono giornate intense nel paddock della MotoGP e non solo per le prestazioni in pista. Nella prima sessione mattutina di prove libere a Portimao Valentino Rossi ha concluso ad un passo dalla top-1o, in 11esima posizione. Ma con un gap piuttosto sostanzioso di 0,886 secondi dal miglior crono del solito Maverick Vinales. Se le Yamaha factory impazzano sul giro secco (7° Fabio Quartararo), la M1 #46 ancora stenta a decollare. Nel box del Dottore però si raccoglie quanto di buono seminato dal gruppo di lavoro: “Stamattina è andata bene, era un po’ particolare, c’era dell’umido – ha raccontato Alessio Salucci -. Si è trovato bene, aveva un po’ di margine. Siamo contenti, le sensazioni sono positive“.

Nel pomeriggio Valentino Rossi proverà a compiere un ulteriore step per entrare direttamente in Q2. Anche se la sessione decisiva per accedere alla seconda manche di qualifiche sarà quella di sabato mattina. Ma nel clan di Tavullia si lavora ancora a pieno ritmo per pianificare il futuro. Il team VR46 sta pensando di approdare in MotoGP con un team tutto suo, dopo l’ingresso a metà nel box Esponsorama con Luca Marini. Il progetto però sembra ancora non confermato da ‘Uccio. “Dobbiamo decidere se andare avanti con questo progetto, dipende dal budget che bisogna garantire per almeno 3 o 5 anni. Dopo Le Mans le cose si sapranno. Stiamo parlando con tutti, prima dobbiamo risolvere delle cose interne“.

Per Valentino Rossi la priorità è segnare buoni risultati da qui alla pausa estiva. Le prime sette gare saranno decisive per decretare il suo futuro in MotoGP con il team Petronas SRT. Tra il Dottore e la squadra malese c’è un contratto 1+1, ma i risultati sono propedeutici al rinnovo. A Portimao serve una sterzata dopo l’opaco risultato di Doha in cui è caduto nelle sabbie mobili del grip al posteriore. Jerez-Le Mans i banchi di esame finali.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

fabu
17:10, 16 aprile 2021

Diciamo che dipende da cosa deciderà di fare Valentino. Se vorrà continuare, dovrà sborsare qualche milioncino a Petronas/Yamaha per avere una moto. Se deciderà di smettere, quei soldini saranno per il team VR46 MotoGP. Per il Mugello sapremo cosa succederà.

    Makiland
    17:59, 16 aprile 2021

    Io li mollerei i malesi … VALE … molto !
    Non mi sono mai piaciuti e secondo me fànno quel che Yamaha dice e … nemmeno la casa madre pare riconoscere quanti successi VALE ha donato loro. E’ una brutta storia con un finale devastante. VR che bacia la moto è un ricordo sbiadito, mentre il suo futuro sarà CERTAMENTE luminoso. Basta farsi prendere per il …
    VALE vale molto, moltissimo, molterrimo … Troppo per le trame Giapu/Malesi, MOLLALI adesso e fatti la tua nuova vita. Ti ricordo che sei VALENTINO ROSSI !
    Lasciali mella M … Se lo meritano e porta via anche il caro MORBIDELLI, vittima incolpevole di questo gioco sanguinoso.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

MotoGP, Jonathan Rea: “Grazie a Valentino Rossi”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, il coach Gavira: “Valentino Rossi non perde il sorriso”

Pecco Bagnaia, fan club

MotoGP: Misano non sarà solo giallo, decolla il Pecco Fan Club