Leopard Racing

MotoGP, Leopard pianifica l’assalto: nel mirino il circuito di Viterbo

Leopard Racing interessata all'acquisizione all'asta del Circuito Internazionale di Viterbo. Un altro tassello verso il sogno MotoGP.

29 settembre 2021 - 7:43

Leopard Racing ha una storia ricca di successi, nonostante la sua giovane età. Fondata nel 2014 da Flavio Becca, con la collaborazione del main sponsor Leopard Natural Power Drink, debutta per la prima gara del 2015 in Qatar nella classe Moto3. E chi ben comincia è già a metà dell’opera… titolo nella classe cadetta al primo colpo! Nel 2016 ha fatto il suo esordio in Moto2, ma dal 2017 ritorna a concentrare l’attenzione sulla classe cadetta e diventa una fucina di futuri campioni, come Fabio Quartararo, Joan Mir, Enea Bastianini, Lorenzo Dalla Porta. Arrivano altri due titoli mondiali nel 2017 e 2019 e ci riprova anche in questa stagione con Dennis Foggia.

La Leopard Racing è cresciuta velocemente, ha saputo investire tanto e bene, scegliendo i tecnici, i piloti e le moto migliori. Basti pensare al team manager Miodrag Kotur, ex collaboratore di Jean Todt in Ferrari ai tempi di Michael Schumacher, persona di spessore tecnico e con un’esperienza che affonda nell’endurance e nei rally. Un team perfettamente strutturato che da tempo insegue il sogno di entrare anche in MotoGP, anche se le armi non sono ancora ben affilate.

Ma gli uomini della Leopard si stanno attrezzando per comprare all’asta il Circuito internazionale di Viterbo per una cifra intorno al milione di euro. Vogliono creare una squadra corse ed entrare in MotoGP entro due anni, anche se resta da capire come o al posto di chi. Per la stagione 2022 si continua con l’assalto al titolo Moto3 e al riconfermato Dennis Foggia si affiancherà l’italo-giapponese Tatsuki Suzuki. E sicuramente ne vedremo delle belle…

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

voiedegarag_15199617
9:54, 29 settembre 2021

Viterbo fa 1,3 Km di lunghezza.
Sono andato a guardare su Youtube uno che ci girava in Ferrari e mi veniva da ridere… è un kartodromo, per divertirsi ci devi girare col kart o col super-motard.

Se qualcuno mi spiega cosa c’entri il comprarsi un kartodromo coll’ambizione di andare in MotoGP io sono tutt’orecchi.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pecco Bagnaia, fan club

MotoGP: Misano non sarà solo giallo, decolla il Pecco Fan Club

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: l’ultimo mese in marcia trionfale

mattia casadei moto2

Moto2: Mattia Casadei, esordio con Italtrans nel GP a Misano-2