MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Un grande talento non basta per vincere” (VIDEO)

Jack Miller, un altro australiano sulla rossa in MotoGP: riuscirà a prendere il posto di Casey Stoner e Troy Bayliss nel cuore dei tifosi ducatisti?

10 febbraio 2021 - 15:12


Jack Miller è la grande scommessa Ducati per la MotoGP 2021. Il pilota australiano in questo video racconta i suoi inizi, il sofferto ambientamento in Europa e nel Motomondiale. Adesso, da pilota di punta della Rossa, proverà a non far rimpiangere i suoi due illustri connazionali, vanto dei ducatisti di tutto il mondo: Casey Stoner e Troy Bayliss. Ma non solo. A ‘JackAss’ il compito di sostituire con dovizia di risultati il precedente duo Ducati formato da Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso.

In rampa di lancio

Ad appena 26 anni Jack Miller si accinge a disputare la settima stagione in top class. Ha debuttato nel Motomondiale nel 2011, in 125cc, disputando da allora 154 GP con 7 successi. Uno solo firmato in MotoGP, nel 2016 con la Honda satellite nel GP d’Olanda condizionato da particolari condizioni d’asfalto. Guardando al 2020, Miller è stato il cavallo trainante del marchio, specie nella parte finale della stagione, con due secondi posti negli ultimi due GP. “Avevamo la velocità, ma mancava la costanza… Quando la velocità c’è e mi sento a mio agio sulla moto, allora è più facile lavorare su altre cose. Ho la sensazione che qualcosa stia crescendo insieme qui“.

Nel team Ducati 2021 farà coppia con Pecco Bagnaia, compagno di squadra in Pramac nel passato biennio. Per entrambi l’obiettivo primario sarà conquistare la prima vittoria in sella alla Desmosedici GP. “Ci siamo andati vicini un paio di volte. Ovviamente vorrei avere voce in capitolo nella corsa al titolo, ma non farò niente di stupido. Ma è anche importante che arriviamo in Qatar sani e restiamo sani per tutta la stagione“, ha concluso Jack Miller.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bastianini motogp

MotoGP, penalità per Bastianini. Petrucci: “Non so cosa stesse pensando”

motogp q2 sachsenring

MotoGP ed i rallentamenti: “Dovremmo essere un esempio, invece…”

bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Tutti lenti davanti a me, impossibile fare un giro”