Moto3: Yuki Kunii assente al Mugello, riecco Takuma Matsuyama

Seconda occasione mondiale per Takuma Matsuyama. Dopo la wild card in Francia, eccolo per il GP d'Italia in sostituzione dell'infortunato Yuki Kunii.

27 maggio 2021 - 11:11

A Le Mans la sua prima wild card mondiale, al Mugello ecco la seconda occasione. Takuma Matsuyama è nuovamente in griglia Moto3 con Honda Team Asia, stavolta però nelle vesti di sostituto. Il pilota ufficiale e connazionale Yuki Kunii infatti ha riportato la frattura della clavicola destra nel corso dell’evento francese: i passi avanti continuano, ma non è in grado di prendere parte alla tappa italiana. Sarà ancora una volta il giovane pilota attivo nel Mondialino ad affiancare Andi Izdihar.

Certo una grande emozione per l’alfiere del Junior Talent Team, alla scoperta anche stavolta di un nuovo circuito. Nonché impegnativo come è appunto il Mugello. “Un grazie a Honda Team Asia per questa seconda occasione, ed un pronto recupero a Kunii. Ora punto solo ad imparare il più possibile correndo assieme ai migliori piloti del mondo.” Con queste parole Takuma Matsuyama apre ufficialmente il suo primo Gran Premio d’Italia da pilota mondiale.

“Sfortunatamente Yuki è ancora convalescente” ha confermato il team manager Hiroshi Aoyama. “Con noi ci sarà Takuma Matsuyama, che ringraziamo per questo. Il Mugello è un tracciato difficile per tutti e per entrambi i nostri piloti si tratterà di un esordio. Certo non è semplice trovare un modo per essere rapidi, ma sono sicuro che impareranno presto turno dopo turno, per essere poi competitivi la domenica.” Mentre Yuki Kunii spera nel recupero per la tappa in Catalunya, la prossima settimana.

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”