23 Ottobre 2022

Moto3 Sepang: che sorpresa John McPhee, doppietta Max Racing Team

La spunta John McPhee, ritorno al successo dal 2020. Con Ayumu Sasaki è doppietta per il team di Max Biaggi, Foggia giù dal podio.

john mcphee, moto3

L’ultimo successo di John McPhee era arrivato nel GP di San Marino 2020. Per l’esperto scozzese (nel 2023 fuori dalla Moto3 per limiti d’età) è stato un fine settimana difficile, tra guai ai freni ed altri piccoli problemi che l’hanno condizionato. In gara però riesce a rifarsi, si aggancia al battagliero gruppo di testa e riesce a piazzare la zampata vincente sul finale! Doppio trionfo del Max Racing Team, visto che Ayumu Sasaki si prende il secondo gradino del podio, con Sergio Garcia poco più indietro. Un bel passo verso il 2° posto iridato, visto che Dennis Foggia non concretizza sul finale ed è addirittura 6° al traguardo. Non sono mancati due momenti da brividi, fortunatamente senza importanti conseguenze. La cronaca del Gran Premio della Malesia.

Primi giri con brividi

Buon 15° ieri in Q2, Furusato è stato squalificato dal turno perché ‘sottopeso’, ritrovandosi quindi 18°. Whatley invece sta utilizzando un motore oltre il massimo consentito in una stagione: scatterà dalla pit lane, cinque secondi dopo il via del resto della griglia Moto3. Super scatto per Guevara, che prende il comando davanti al poleman Foggia e Garcia, rischiano Migno e Holgado a contatto al via, ma fortunatamente nessun incidente condiziona la partenza della prima corsa odierna a Sepang. Un errore del neo campione e qualche altro rischio stravolgono però molto presto la classifica. Non mancano attimi di paura per Nepa, partito alla grande ma protagonista di un violento highside alla curva 9. Il pilota ricade in traiettoria, sospiro di sollievo quando tutti i ragazzi in corsa riescono ad evitarlo. L’alfiere MTA però è piuttosto dolorante, serve il pronto intervento dei commissari per evacuarlo in barella. Curva 9 che poco dopo vede un highside anche per Muñoz ed una scivolata per Suzuki, nel loro caso però fuori traiettoria, a referto un incidente anche per Ogden, già acciaccato dallo scorso GP e portato al Centro Medico per controlli.

Lotta di gruppo, che rischio Guevara!

Davanti nessuno riesce a fuggire in solitaria e, dopo la caduta di Nepa, Foggia è l’unico italiano rimasto in alto. Nonché unica Honda contro l’armata KTM (compresi GasGas e Husqvarna), almeno finché non si fa vedere anche Rossi in rimonta. Ad una decina di giri dalla fine s’è formato un battagliero gruppetto di 10 piloti per la zona podio, mentre Surra si ritira in seguito ad un incidente. A sei giri dalla fine, Guevara, tornato al comando dopo l’errore iniziale, tenta un piccolo strappo, subito però ricucito da Sasaki. Scivola Rossi, pochi attimi dopo rientra al box Tatay, con problemi alla mano sinistra dopo l’incidente del sabato. Che rischio per Guevara due giri dopo, è quasi un pasticcio all’ultima curva tra lui e Sasaki! Il neo campione finisce fuori pista ma evita la caduta, tornando in circuito però in 12^ posizione. Incidente e ritiro anche per Furusato, in testa diventa un’imprevedibile battaglia a sei per la vittoria e la spunta John McPhee! Anzi, è doppietta del Max Racing Team con Ayumu Sasaki secondo in scia, terzo Sergio Garcia! Per Dennis Foggia non arriva un podio dopo la bella gara da protagonista, anzi l’italiano è addirittura 6° al traguardo.

McPhee beffa tutti, la classifica

Classifica iridata

Foto: motogp.com

Lascia un commento