pawi petronas moto3

Moto3: Khairul Idham Pawi e Petronas, divorzio a fine stagione

Khairul Idham Pawi e Petronas Sprinta Racing, separazione a fine 2020 dopo due stagioni difficili. Razlan Razali: "È la soluzione migliore per le due parti."

20 ottobre 2020 - 12:28

Si chiuderà alla fine di questo campionato 2020 la partnership tra Khairul Idham Pawi e Petronas Sprinta Racing. La squadra di Razlan Razali ha ufficializzato la fine dei rapporti con il giovane pilota malese alla fine dell’annata in corso. Si concluderanno così due stagioni particolarmente difficili, soprattutto a causa del complicato infortunio alla mano accusato da KIP tra il 2019 in Moto2 ed il ritorno quest’anno in Moto3.

Dopo gli strepitosi successi ottenuti nella classe minore del Motomondiale, si guarda a Pawi come un astro nascente nel Campionato del Mondo. Un debutto forse troppo affrettato nella categoria intermedia però ha cambiato la sua storia. Negli ultimi due anni poi il giovane malese ha vissuto una vera e propria odissea per continui infortuni al dito mignolo della mano destra, fino ad arrivare all’amputazione. I risultati di conseguenza non sono stati davvero brillanti. Da qui la decisione congiunta di separarsi a fine 2020.

“Non abbiamo dubbio sul talento ed il potenziale di KIP” ha sottolineato Razlan Razali. “Ma dopo due stagioni insieme non siamo stati capaci di conquistare gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Certamente gli infortuni hanno giocato un ruolo importante nei risultati di Pawi in queste due annate, ma guardando al futuro abbiamo deciso congiuntamente di prendere strade diverse. È la soluzione migliore per entrambe le parti. Auguriamo a KIP solo il meglio per la sua carriera.”

“Le ultime due stagioni sono state dure a causa dei problemi alla mano” ha ammesso Khairul Idham Pawi. “Sono lieto di aver fatto parte del team Petronas Sprinta Racing. Posso solo ringraziare tutti i ragazzi e gli sponsor per avermi supportato nel bene e nel male in questi due anni. Auguro il meglio al team, composto da belle persone. Ma voglio continuare a correre, quindi dovrò valutare l’opzione migliore per la mia carriera. Farò del mio meglio per mostrare il mio potenziale, anche per i fan che mi supportano dall’inizio.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2

Moto2, classe ricca di rookie: ecco gli otto volti nuovi, tra cui tre italiani

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”

binder motogp

MotoGP, fratelli vincenti: dai Milani ai Binder, tutti i vincitori di GP