andrea migno moto3

Moto3 GP Portimao, Prove 3: Andrea Migno all’ultimo al comando

Andrea Migno stampa il miglior crono delle libere Moto3. Seguono Rodrigo ed il duo KTM Ajo, Foggia ed Antonelli in Q2.

17 aprile 2021 - 10:47

Tricolore al comando della classifica dell’ultima sessione di prove libere Moto3. Parliamo di Andrea Migno, che proprio allo scadere piazza il tempo utile per accedere al secondo turno di qualifiche con il miglior tempo. Dietro di lui ci sono Gabriel Rodrigo, Jaume Masiá ed il leader Pedro Acosta, direttamente in Q2 anche i nostri portacolori Dennis Foggia e Niccolò Antonelli (seppur con qualche problema). Qualifiche al via alle 13:35 ora italiana.

Prove libere 3

Ultimo turno utile per assicurarsi la top 14 e quindi la Q2, scontato aspettarsi una classifica stravolta. In neanche metà sessione infatti si scende sotto il miglior crono registrato nella prima giornata: inizialmente ci pensa Migno, seguito provvisoriamente da Fenati e Rodrigo, ma in seguito si fanno vedere anche Antonelli e Foggia nelle zone alte. Le condizioni sono decisamente migliorate: splende il sole, la pista è asciutta e ci sono 15-19° C in questa mattinata a Portimao.

A referto nella seconda parte del turno una scivolata per Antonelli alla curva 3 (per poi fermarsi nuovamente più tardi, stavolta sembra per guai tecnici). Sul finale cadono anche Suzuki alla curva 8 e Fenati alla curva 13. La classifica continua a subire cambiamenti fino alla bandiera a scacchi, quando è Andrea Migno con un ultimo guizzo ad assicurarsi la prima piazza utile per la Q2. Secondo è Gabriel Rodrigo a 52 millesimi, poco lontano c’è anche Jaume Masiá seguito a ruota dal compagno di box Pedro Acosta.

La classifica FP3/combinata

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”