MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, boss Dorna: “Valentino Rossi non può ritirarsi così”

Valentino Rossi stenta a decollare in questa stagione MotoGP e c'è il rischio che possa chiudere la carriera a fine 2021. Le parole di Carmelo Ezpeleta.

17 aprile 2021 - 10:24

La MotoGP non smette di regalare colpi di scena dall’inizio di questo campionato 2021. Record di pista e top speed, distanza super ravvicinata al traguardo per la top-15 in Qatar-2, il ritorno di Marc Marquez. L’unico a mancare all’appello in questo momento storico è Valentino Rossi, ieri fuori dalla Q2 provvisoria e con soli 4 punti in classifica iridata. Viceversa, il campione di Tavullia rischia di collezionare record negativi nella sua prestigiosa carriera, come la partenza dall’ultima fila a Doha. Anche Carmelo Ezpeleta è malinconico per i risultati del veterano Yamaha che al momento esclude un suo ritiro a fine anno. “Non può ritirarsi in questo modo“.

Oltre i risultati resta però la leggenda, il passato di Valentino Rossi è qualcosa di indelebile. “Nessuno può smettere di avere ammirazione sportiva per Valentino, questo bisogna considerare – aggiunge il boss Dorna ad ‘AS’ -. Valentino è stato ed è una risorsa molto importante per il Mondiale“. Le prossime gare saranno decisive per decidere il suo futuro e Carmelo si attende prestazioni di rilievo. “Spero che quest’anno Valentino sia di nuovo davanti… Amo moltissimo Valentino e non mi piace che non sia felice“.

Nodo qualifiche per Vale

Il nove volte iridato non perde certo il sorriso, anche dopo il 15° posto nella classifica combinata del venerdì. Sul layout di Portimao occorre fare una buona prestazione, magari per arrivare a Jerez con maggior ottimismo fra due settimane. “Non voglio aspettare su quali circuiti essere competitivo, voglio essere competitivo in tutto“, afferma Valentino Rossi dopo le FP2. “Quello di cui ho bisogno qui è una moto che sia il più stabile possibile, che aderisca il più possibile all’asfalto, per poter affrontare i cambi di pendenza e le discese“. La chiave del week-end sarà la FP3, decisiva per l’accesso diretto alla Q2. “Sono abbastanza soddisfatto del set-up. Ma dobbiamo ancora migliorare, soprattutto in frenata. Ho ancora dei problemi in alcune aree“.

Ancora una volta il Dottore deve fare i conti con le gomme Michelin. A Losail la doppia soft era una scelta obbligata per la gara. Qui ci sarà più flessibilità di strategia in vista del Gran Premio di domenica. Ma in ogni caso i piloti del team Yamaha factory sembrano avere qualcosa in più, lasciando prevedere una stagione MotoGP all’inseguimento per Valentino Rossi. “Abbiamo provato la gomma morbida anteriore, ma ho avuto problemi. Non potevo spingere al 100% ed è per questo che la mia situazione non è fantastica“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

trediciport_13696908
13:42, 17 aprile 2021

Ma ritirati e basta, già ci toccherà continuare a sopportarti con il tuo team, almeno il favore di toglierti dalla strada grazie!

Makiland
12:31, 17 aprile 2021

VR farà quel che alui conviene … ha una vita, diversa certo, davanti come GENERATORE di talenti … Lui non è così geloso dei suoi ragazzi, sa che attraverso i loro successi diventerà IMMORTALE nella storia della Moto GP. VR pensa al futuro, e corre per puro piacere sportivo, lo fa da tanto tempo, ma il tempo NON è sempre amico … a volte ti avverte che è ora di “svoltare”.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Dorna sfida la pandemia: i timori di Aleix Espargarò

motogp austin

MotoGP, ritorno ad Austin: tutti gli orari TV su Sky Sport, DAZN e TV8

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood