moto3 qatar

Moto3, gli italiani in Qatar: podio Antonelli, punti per Migno e Fenati

Come sono andati gli italiani nei primi due GP Moto3? Antonelli protagonista, non sono mancati episodi sfortunati e penalità... I risultati dei nostri sei piloti.

8 aprile 2021 - 17:26

Sei nostri portacolori quest’anno sono chiamati a dare battaglia nella categoria minore del Motomondiale. Nessun esordiente tra loro, tutti hanno almeno una stagione mondiale completa alle spalle. Purtroppo il doppio round in Qatar non sembra aver favorito i nostri ragazzi in Moto3. I risultati più di rilievo sono arrivati da Niccolò Antonelli, a referto anche qualche incidente con due dei nostri (incolpevoli) protagonisti. Solo due GP completati, ma è stata una partenza un po’ sottotono per i ragazzi italiani. Vediamo i risultati.

Niccolò Antonelli 

Passato quest’anno ad Esponsorama Racing, è stato tra i grandi protagonisti dei due eventi disputati. Sesto in Qatar-1, terzo in Qatar-2, in lotta nel gruppo di testa dall’inizio fino alla bandiera a scacchi. Come lui stesso ha ammesso, c’è ancora qualcosa da sistemare soprattutto per quanto riguarda la capacità di lottare nelle sempre imprevedibili e combattute gare Moto3. Ma il #23 ha iniziato con grande grinta e determinazione, alla ricerca della svolta dopo stagioni complesse per vari motivi. Per il momento guida lui la truppa tricolore con i due piazzamenti citati che gli valgono il 4° posto in classifica generale.

Andrea Migno 

Del primo GP stagionale possiamo dire ben poco, visto che l’incolpevole Migno (in lotta per le prime posizioni) si è ritrovato KO, coinvolto in un incidente multiplo iniziato con una manovra azzardata di Artigas. Il secondo round invece è andato molto meglio. Sesto in griglia di partenza, l’alfiere Snipers si è mantenuto costantemente nel folto gruppo di testa, sempre in lotta fino alla fine. Ed è proprio sul rettilineo finale che si è visto strappare il podio dal collega Antonelli per appena 32 millesimi. Con questo quarto posto occupa provvisoriamente la nona casella iridata.

Romano Fenati 

Gare difficili da giudicare per l’alfiere del Max Racing Team. Nel primo GP partiva molto indietro e ha pure dovuto scontare due Long Lap Penalty per partenza anticipata, mentre nel secondo è scattato dalla pit lane per una sanzione. Non si può però dire troppo male dei risultati ottenuti in gara, sempre in rimonta. A referto rispettivamente un 11° ed un 10° posto, non proprio da buttare viste le problematiche appena citate. Per lui 11 punti a referto che gli valgono l’11^ posizione in classifica generale, oltre ad essere l’ultimo italiano presente in zona punti.

Dennis Foggia 

Primo Gran Premio dell’anno da dimenticare per lui, visto che la sua gara è finita molto presto per un contatto con Tatay (poi sanzionato) che ha portato ad una caduta ed al ritiro. Il secondo evento sempre a Doha però non è andato molto meglio: è stato uno dei piloti penalizzati con una partenza della pit lane. La sua rimonta non è andata oltre la 17^ posizione alla bandiera a scacchi. Un doppio round in Qatar chiuso senza punti, che l’alfiere Leopard vuole dimenticare presto per ripartire con rinnovata energia in Europa.

Stefano Nepa-Riccardo Rossi 

Anche per il duo BOE Owlride non è stato un inizio di stagione esaltante. Diciottesimo posto per Nepa in Qatar-1, purtroppo una caduta a referto per Rossi. Ma nell’evento dello scorso weekend entrambi si sono visti costretti a partire dalla pit lane come penalità per quanto accaduto durante le libere. Di conseguenza è stato un tentativo di rimonta difficile: il primo ha chiuso proprio a ridosso della zona punti (mancata per 90 millesimi), il secondo ha tagliato il traguardo in 19^ posizione. Due GP da dimenticare per il duo tricolore, dalla prossima settimana scatta il ‘periodo europeo’.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha