bartolini bertelle moto3

Moto3: Elia Bartolini e Matteo Bertelle, ecco la formazione Avintia 2022

Campione e vice-campione CIV Moto3 ufficialmente nel Mondiale. Elia Bartolini e Matteo Bertelle al via con il team Avintia.

28 ottobre 2021 - 14:15

Line-up totalmente tricolore l’anno prossimo per il team Avintia in Moto3. Elia Bartolini e Matteo Bertelle diventeranno ufficialmente piloti nella entry class del Campionato del Mondo, nella struttura che dall’anno prossimo sarà Avintia VR46 Riders Academy (qui i team annunciati per il 2022). Nello specifico, il campione ed il vice-campione CIV Moto3 di quest’annata appena conclusa avranno così l’occasione di disputare una prima stagione completa sul palco internazionale dopo le comparse effettuate quest’anno.

Possiamo parlare di un ritorno in squadra per Elia Bartolini. Ha infatti disputato proprio con l’attuale Avintia Esponsorama quattro GP da sostituto sia di Tatay che di Antonelli infortunati. Oltre a due wild card al Mugello ed a Misano-1 ma con il team con cui è attivo nel CIV, il Bardahl VR46 Riders Academy. Ricordiamo anche l’esordio mondiale avvenuto a Misano nel 2019, con anche il suo primo punto mondiale. In questo 2021 infine ha conquistato il titolo italiano Moto3 con cinque vittorie ed altri quattro podi in 12 gare.

Con sette punti di vantaggio su Matteo Bertelle, diventato suo compagno di box nel Campionato Italiano dopo la promozione mondiale di Alberto Surra e che ritroverà anche l’anno prossimo. Pure per lui l’esordio mondiale c’è già stato, ma solo quest’anno a Misano-1, un evento chiuso in 18^ posizione. Segnaliamo, oltre al vice-campionato nel CIV, anche la stagione in Red Bull Rookies Cup con la prima pole e la prima vittoria. A novembre lo vedremo in azione con il Team MTA nel round conclusivo del CEV Moto3.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022