Moto2-Moto3, Test Valencia: Le prime novità della griglia 2020

Piloti e squadre Moto2 e Moto3 al lavoro in questi due giorni sul tracciato di Valencia. La cronaca della prima giornata.

25 novembre 2019 - 17:30

Prima giornata di test a Valencia per i piloti Moto2 e Moto3, stavolta senza pioggia, a differenza di quanto accaduto a Jerez. Dalle 10:00 alle 17:00 i piloti hanno così potuto iniziare a lavorare per la prossima stagione, con anche in pista vari volti nuovi, conferme, cambi di team. Essendo test privati, non abbiamo riferimenti cronometrici. Alcune immagini dal circuito

Uno dei rookie in pista per la categoria intermedia è stato Aron Canet, alla prima presa di contatto con la Speed Up del Angel Nieto Team. Una novità anche per il nuovo compagno di box, Hafizh Syahrin: entrambi però hanno già mostrato di apprezzare la nuova moto. Abbiamo poi visto anche Augusto Fernández coi nuovi colori EG 0,0 Marc VDS, nel 2020 compagno di box di Sam Lowes. A causa di questo cambio repentino, in pista c’era Hector Garzó con la moto lasciata libera da Fernández.

Lo spagnolo è l’osservato speciale, da capire se potrà affiancare Lorenzo Baldassarri nel 2020. Esordio coi colori del team Gresini sia per Nicolò Bulega che per Edgar Pons, alla prima presa di contatto con le KALEX della loro nuova squadra. Prima uscita da pilota Moto2 per Marcos Ramírez. A Jerez è stato il turno del compagno di box Joe Roberts, nonostante la pioggia, mentre stavolta anche lui ha potuto iniziare a conoscere la nuova moto del American Racing Team.

Evidenziamo ora alcuni dei piloti Moto3 in pista. In azione entrambi i ragazzi VNE Snipers Team, vale a dire il confermato Tony Arbolino ed il nuovo arrivato Filip Salač. Red Bull KTM Ajo si è presentato con la sua line-up completamente rinnovata, ora composta da Raúl Fernández e da Kaito Toba. In pista anche Estrella Galicia 0,0 al completo. Ryusei Yamanaka era alla prima uscita ufficiale da pilota del Motomondiale, mentre Sergio García è caduto ben due volte, senza riportare conseguenze.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Zarco: “Dopo l’addio di Lorenzo il vento è cambiato”

MotoGP, Fabio Quartararo e Maverick Vinales

MotoGP, Yamaha mea culpa: “Sull’elettronica abbiamo sbagliato”

tony arbolino mugello 2019

Tony Arbolino, la vittoria al Mugello diventa un tatuaggio