schrotter moto2

Moto2, Marcel Schrötter: “Non più dolore, correrò normalmente”

Marcel Schrötter ha risolto la sindrome compartimentale ad un braccio una settimana fa. Non sarà al 100% a Brno, ma è ottimista.

4 agosto 2020 - 15:50

È passata una settimana dall’intervento al braccio destro, ma Marcel Schrötter sarà regolarmente al via a Brno. Come tanti colleghi prima di lui, anche il tedesco di Intact GP ha dovuto risolvere il noto problema della sindrome compartimentale. Un fatto peggiorato soprattutto durante l’evento in Andalucía, che ha convinto il pilota Moto2 ad affidarsi alle mani del dottor Xavier Mir. Poco il tempo per recuperare visto il calendario serrato, ma ora Schrötter vuole essere ben più protagonista in questa stagione 2020.

“Sto cercando di recuperare il più possibile dall’intervento” ha dichiarato il pilota di Vilgertshofen, sollevato per essersi tolto un problema ma conscio di non essere a posto. “Certo ci vorrà tempo perché il gonfiore sparisca completamente. Chiaramente non sarò in perfetta forma a Brno, ma sarà abbastanza per riuscire a guidare. Dobbiamo aspettare venerdì per capire qual è la situazione e come posso cavarmela. Se necessario, risparmierò quante più energie possibili durante la prima giornata in Repubblica Ceca.”

Come detto, prevale però il sollievo per il problema risolto. Il tedesco vuole qualcosa di più del 7° posto in Qatar e del 10° a Jerez2 (senza contare lo zero in mezzo). “La speranza è di non avere più alcun dolore mentre corro e di riuscire quindi da questo momento in avanti a competere normalmente. Non vedo l’ora di ripartire a Brno e di disputare poi anche i due round al Red Bull Ring. Tutti e tre i circuiti si adattano bene al mio stile di guida, ma gli ultimi due sono come dei piccoli GP di casa per me.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

beaubier moto2

Moto2: Cameron Beaubier, primi test interessanti. Già pronto a sorprendere?

Valentino Rossi, MotoGP Portimao 2020

MotoGP, Hofmann: “Valentino Rossi al di sopra dei risultati”

joan mir motogp

MotoGP, Joan Mir: “Il ‘segreto’? Fisso uno obiettivo e non mi stanco di inseguirlo”