jorge martin moto2 test jerez

Moto2, Jorge Martín: “Spero di essere al 100% in Qatar”

Jorge Martín regolarmente in pista per i test a Jerez nonostante un recente infortunio. "Volevo esserci. Possiamo fare grandi cose quest'anno."

20 febbraio 2020 - 11:00

Appena una settimana fa Jorge Martín si rendeva protagonista di un brutto incidente. Parliamo di una botta a circa 170 km/h contro una barriera nel corso dei test privati svolti sempre a Jerez. Nonostante le condizioni fisiche difficili, soprattutto ad una caviglia, il pilota spagnolo si è presentato regolarmente sul tracciato andaluso, pronto per svolgere tutti i turni di queste prime prove ufficiali.

“Mi sono rotto tre legamenti, due ossa e ho un paio di tendini lesionati.” Questa la diagnosi alla caviglia sinistra resa nota dallo stesso pilota Red Bull KTM Ajo dopo l’incidente. “Fortunati a non aver avuto niente di più serio” ha rimarcato Aki Ajo. Tanta terapia in questi giorni ed eccolo nel box a Jerez. Serve l’aiuto delle stampelle per muoversi, ma il giovane spagnolo vuole cercare comunque di approfittare al massimo di questi primi test ufficiali del 2020.

Da ricordare poi che nel corso dell’inverno Jorge Martín si era operato per sistemare alcuni legamenti di un ginocchio. Ne è seguita una convalescenza lunga, ma a complicare le cose ecco questo nuovo problema. “La caviglia non è al massimo” ha ammesso. “Ho accusato varie difficoltà anche a livello muscolare, ma volevo esserci. Per il momento stiamo lavorando bene.”

“Dobbiamo conoscere soprattutto la nuova moto” ha aggiunto. Quest’anno infatti registriamo il passaggio a KALEX dopo l’abbandono del telaista KTM. “Ci stiamo concentrando sul ritmo. Miglioriamo ad ogni uscita e questo è l’aspetto più importante. Per il momento me la prendo con calma, ma sono riuscito ad essere competitivo fin dal primo test con questa moto, battendo anche i tempi fatti con la KTM.”

“Ho un ottimo pacchetto e so di poter lottare per la vittoria. L’unica pecca è che mi sono allenato poco quest’inverno, ho dovuto pensare di più alla riabilitazione. Ho tempo per recuperare prima di Losail, ma se non sarà così penseremo alle tappe successive. Possiamo ottenere grandi risultati quest’anno.” “Gran Premio del Qatar? La speranza è di essere al 100%, sempre se non cado di nuovo!” ha concluso ridendo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP: Kawasaki in top class terza parte, la Ninja ZX-RR 2003-2006

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Ciabatti: “Dovremo affrontare un’emergenza economica”

MotoGP, Pol Espargarò: “Il ritiro di Jorge Lorenzo era una scusa”