rodrigo moto2

Moto2: Gabriel Rodrigo, debutto nel 2022 con Mandalika SAG Team

Passaggio di categoria per Gabriel Rodrigo nel 2022. Ufficiale l'accordo con Mandalika SAG Team, affiancherà il confermato Bo Bendsneyder.

29 agosto 2021 - 9:28

Ufficializzato un cambio di categoria per la prossima stagione mondiale. Nel 2022 infatti, dopo aver concluso la settima annata completa in Moto3, Gabriel Rodrigo passerà in Moto2 e con i colori del Mandalika SAG Team. Affiancherà il confermato Bo Bendsneyder, ereditando la sella lasciata libera a fine stagione dall’esperto Thomas Lüthi, prossimo al ritiro. La struttura con sede a Barcellona quindi ha così blindato la coppia di piloti per il prossimo campionato del mondo.

Un annuncio arrivato nel corso del fine settimana britannico, con Rodrigo che inizierà la corsa odierna dalla seconda casella in griglia. “Siamo molto contenti di questo accordo” ha dichiarato il Team Principal Edu Perales. “Avrà certo tutto il nostro supporto fin dal primo momento per ottenere i migliori risultati insieme. Siamo emozionati in vista di questa nuova tappa assieme a Gabriel: ha un grande potenziale e possiamo fare grandi cose.”

Sarà un salto con “un team di grande esperienza nella categoria” per il pilota argentino nato a Barcellona. “Sono lieto di fare parte di questo progetto, mi sono sentito ben voluto fin da subito e si vede anche nell’ambizione di tutti di conquistare qualcosa di importante insieme. Ci saranno tante cose da imparare, ma sento di essere nel posto giusto per apprendere e migliorare ogni volta che scendo in pista. Non vedo l’ora di cominciare.”

GP San Marino e Riviera Rimini Biglietti qui

1 commento

voiedegarag_15199617
12:15, 29 agosto 2021

Contratto per la sola stagione 2022 ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

mta ortola moto3

Moto3: Ivan Ortolá al debutto con Team MTA nel Mondiale 2022

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Gomme Michelin? Serve più coerenza”

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Michele Pirro riferimento nelle prime libere”