Motocross: Mattia Guadagnigni “Riola Sardo, che gara!”

La grande rivelazione di Riola Sardo e speranza del Motocross nazionale si racconta in questa intervista

2 febbraio 2019 - 8:31

Mattia Guadagnini è stata indubbiamente la rivelazione della prima gara degli “Internazionali d’Italia MX” corsa a Riola Sardo. Il talento azzurro, classe 2002 originario di Bassano del Grappa ha conquistato un podio fenomenale nella classe MX2 guidando anche per sei giri la gara davanti al campione del mondo in carica Jorge Prado nonostante la differenza di mezzi a disposizione, con Mattia in sella ad una Husqvarna 250 2t e lo spagnolo con la KTM ufficiale. (qui cronaca e risultati)

Mattia raccontaci in breve un po di te, in che team corri e cosa farai in questo 2019.

“Corro nel team Maddii racing con Husqvarna, è il secondo anno con loro e mi sto trovando molto bene. Quest’anno correrò nel campionato europeo 125, Internazionali d’Italia MX2 e campionato italiano MX2 con la 250 2 tempi”.

Come ti sei avvicinato al cross?

“Mio papà corre in moto per passione e faceva qualche gara di enduro, mi ha preso una moto a 4 anni e da li ho iniziato”.

Se non mi sbaglio l’anno scorso sei arrivato secondo nella EMX125, che stagione è stata per te?

“L’anno scorso ho finito secondo in EMX125 e secondo alla prova unica di mondiale in Australia. Primo negli internazionali d’Italia 125 e primo campionato italiano 125. Ho avuto due infortuni alla clavicola sinistra che mi hanno compromesso alcune gare per essere in lotta per il campionato europeo ma tutto sommato è andata molto bene e anche meglio di quello che pensavo”.

Se ti dico Jorge Prado e Riola Sardo a cosa pensi subito?

“Eh eh eh, penserei subito alla gara di domenica scorsa anche tra 10 anni credo…”

 Cosa si impara guidando e rimanendo anche al passo con i migliori come hai fatto tu Domenica?

“Di sicuro partendo davanti e stando li per qualche giro si prende un po il ritmo dei migliori e si possono vedere le traiettorie e le loro tecniche”.

Segui il Supercross USA? è un tuo sogno?

“Certo lo seguo e mi piace veramente tanto, credo però che preferirei il motocross europeo”.

Scegli tra Herlings, Cairoli, Roczen e Tomac (oppure chi vuoi tu)

“Cairoli per la sua quasi perfezione in tutto e il suo atteggiamento, Roczen lo ammiro per la forza che ha dopo tutto quello che ha passato e per il suo stile”.

Termina la frase: tra 3 anni mi vedo in…

“Tra 3 anni mi vedo un pilota ufficiale del campionato mondiale MX2…… o almeno lo spero”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Skoda Fabia R5 di Tony Cairoli

Tony Cairoli al Rally Tuscan Rewind: “Non vedo l’ora”

Jacky Martens, con i suoi piloti Julien Lieber e Benoit Paturel

MXGP, il team Honda di Jacky Martens con Lieber e Paturel

VIDEO MXGP: HRC, c’è Mitch Evans con Tim Gajser nel 2020