Superbike, Jonathan Rea

Test Montmelo, le Superbike hanno i tempi MotoGP nel mirino

In due ore di test Ducati e Kawasaki sono arrivate a poco più di un secondo dal record 2019 in gara di Marc Marquez: la MotoGP nel mirino

8 luglio 2020 - 11:36

Le Superbike girano al Montmelò per la prima volta e i piloti, quasi tutti, sono fermi da oltre quattro mesi. Eppure sono bastate un paio d’ore di test per vedere stampati sui monitor tempi impressionanti. E anche velocità di punta ragguardevoli. Chaz Davies, che pure non è un fuscello alla Dani Pedrosa, ha lanciato la Ducati V4 R Panigale a 321,4 km/h in fondo al lungo rettilineo del tracciato alle porte di Barcellona.

Jonathan Rea all’attacco, Scott Redding stop

Fanno spavento anche i tempi sul giro. Scott Redding, che conosce bene il tracciato per averci corso con tutte le cilindrate nel Motomondiale, è sceso in fretta in 1’41″985, poco prima delle 11 del mattino. Jonathan Rea, dopo qualche uscita di installazione, gli ha replicato subito: 1’41″910. Il campione in carica e lo sfidante  riprendono il cammino nelle stesse posizioni finali dei test di Misano, a fine giugno. A due ore dalla fine della prima sessione la Panigale V4 R (qui il video sulle novità tecniche in corso di valutazione) di Redding si è fermata lungo la pista, per un problema tecnico. “Stiamo facendo prove di pescaggio del serbatoio, Scott è semplicemente rimasto a secco” ha chiarito il direttore sportivo Serafino Foti.

Il confronto con la MotoGP

I confronti fra Superbike e top class sono sempre parecchio improbi, perchè i dati si prestano a parecchie letture, a maggior ragione nei test. Ma, Jonathan Rea  è comunque arrivato a poco più di un secondo dal giro veloce in gara di Marc Marquez nel GP 2019, che il pilota Honda aveva vinto con vantaggio: 1’40″507. Il record ufficiale del Montmelo è di poco migliore, 1’40″021 stampato da Jorge Lorenzo con la Ducati nel 2018.  Da qui a giovedi pomeriggio ne vedremo delle belle: la possibilità che le migliori Superbike arrivino a meno di un secondo dai riferimenti di punta della MotoGP è molto concreta. Già a Misano Scott Redding aveva girato ad un solo decimo dal tester Michele Pirro, contemporaneamente in pista con l’evoluzione Ducati GP20. Moto derivate dalla serie (per così dire…) vicinissime a prototipi che costano milioni. La discussione fra gli appassionati si riaccende…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Coronavirus

Superbike, al rientro dalla Spagna piloti e tecnici obbligati al test Coronavirus

Superbike, Can Oncu

Superbike, ad Aragon il 17enne Can Oncu assaggia la top class (VIDEO)

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea può fare la differenza anche ad Aragon?