Supersport: Yamaha e ParkinGO di nuovo insieme, obiettivo titolo con Gonzalez

Yamaha e ParkinGO ritornano insieme e con obiettivi ambiziosi. Si punta nientemeno che al titolo Supersport con la giovane stella Manuel Gonzalez.

26 novembre 2020 - 15:13

Manuel Gonzalez e ParkinGO rinnovano la loro partnership, ma con una novità. La squadra fondata da Giuliano Rovelli ha firmato l’accordo con Yamaha, una ritrovata collaborazione tra team e casa dei tre diapason, già di successao in passato. Ricordiamo in particolare nel 2011 il titolo Supersport conquistato assieme a Chaz Davies. Ora si riparte nuovamente assieme e con una promessa come il più giovane campione Supersport 300 2019, che ha chiuso la prima stagione WorldSSP con tre podi.

Ma è un ritorno anche per lo stesso Manuel Gonzalez, con cui ha esordito nella classe che poi l’ha visto campione proprio con Yamaha. “Voglio ringraziare per l’interesse e per avermi scelto. Da due anni lavoro con ParkinGO, con cui ho vinto il titolo WorldSSP300, grazie ai tanti sacrifici ed al lavoro svolti fino ad ora. Continueremo assieme anche nel 2021, puntando sempre più in alto. Non vedo l’ora di provare la mia nuova Yamaha R6 nei test invernali.”

Il team manager Edoardo Rovelli ricorda il titolo 2011 con Davies e Yamaha, e guarda al 2021 con grande fiducia. “Abbiamo un pilota forte e determinato come Manuel Gonzalez, dei professionisti in squadra, il supporto di Yamaha e tutti i nostri storici partner tecnici: possiamo tornare a lottare per il titolo.” Grande soddisfazione anche da parte di Andrea Dosoli (Yamaha Motor Europe Road Racing), che dà il bentornato a team e pilota. “Manuel, nonostante la giovane età, ha dimostrato di essere veloce, ma anche maturo e dalla mentalità vincente. Lui e ParkinGO possono contare sul nostro pieno supporto per far sì che il sogno si avveri.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: il salto nel vuoto con BMW

Superbike BMW

Superbike, BMW cala gli assi: Baz e Laverty UFFICIALI nel 2022

Superbike, Jonathan Rea e il team KRT

Superbike, KRT si scusa con Jonathan Rea: “Non abbiamo dato il 100%”