Superbike, Jonathan Rea

Superbike Test Misano: Jonathan Rea cade, Kawasaki lo ringrazia!

Jonathan Rea scivola poco prima della pausa pranzo: nessuna conseguenza fisica. Dopo l'incidente la Kawasaki lo ringrazia via Twitter per l'impegno che ci mette...

24 giugno 2020 - 13:48

Nella prima giornata di test Superbike a Misano disavventura per  Jonathan Rea, incappato in una scivolata. Il cinque volte (consecutive…) campione del Mondo ha perso il controllo della Kawasaki ZX-10RR sul finire della sessione del mattino, conclusa alle 13.00 Nessun danno per il 33enne nordirlandese, limitate conseguenze anche per la moto.

Verso l’infinito, e oltre

Cadere durante test privati come quello in corso sul tracciato adriatico è sempre una bella seccatura. Intanto perchè si perde tempo prezioso ma soprattutto perché si rischia di danneggiare in maniera irreparabile componenti evoluzione spesso realizzati in unico esemplare. Ma la Kawasaki l’ha presa molto bene, diffondendo su Twitter questo messaggio: “Verso l’infinito e oltre. Grazie per averci provato così forte, Jonathan Rea. Ripararemo la moto prima possibile nel pomeriggio torneremo a caccia dei limiti!”

Jonathan Rea in verde a vita 

Questo per dire dell’armonia che regna nel box che resiste imbattuto da oltre cinque anni di sfide. Pilota, tecnici e dirigenti formano un gruppo affiatatissimo, e questo clima spiega anche perché Jonathan Rea sia sempre così forte mentalmente. Nei momenti di crisi ha alle spalle un gruppo prontissimo a stringersi attorno. Nei giorni scorsi la Kawasaki ha annunciato il rinnovo con il 33enne nordirlandese senza specificarne la durata: Jonathan Rea resterà in Kawasaki fino al termine della carriera.

Ma intanto Redding scappa 

Al rientro in pista dopo quasi quattro mesi Jonathan Rea al mattino ha girato leggermente più lento di Scott Redding, che con la Ducati aveva avuto modo di saggiare il nuovo asfalto di Misano già – brevemente – il pomeriggio precedente. Qui i primi tempi rilevati dal muretto dei box.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea e Valentino Rossi destini diversi “Se corro ancora a 41 anni, ditemi di smettere””

Superbike,Marco Melandri

Superbike: Marco Melandri, la pazza idea del ritorno Mondiale con Ducati

Superbike, Alvaro Bautista

Superbike: Alvaro Bautista in ritardo, che succede alla Honda?