Loris Baz

Superbike Phillip Island, warm up: Loris Baz insiste, festival di cadute

Laverty, Cortese e Gerloff a terra: l'americano ha un trauma cranico, non correrà Loris Baz segna il giro veloce. Rea solo ottavo

1 marzo 2020 - 0:06

Loris Baz ha ottenuto il miglior tempo nel warm up (15 minuti) che ha aperto il programma domenicale del round Superbike a Phillip Island, in Australia. Il francese di Yamaha Ten Kate ha girato in 1’30″470, precedendo Alex Lowes, seconda guida Kawasaki, e il ducatista Scott Redding. Continua ad andare molto forte Leon Haslam, anche in questa sessione davanti al compagno di squadra Alvaro Bautista, settimo tempo: la Honda cresce a passo spedito. Solo ottavo tempo per Jonathan Rea, in pista con la Kawasaki ricostruita dopo lo schianto al sesto giro di gara 1, che aveva procurato ingenti danni. Il pilota ha accusato una contusione al ginocchio destro. L’iridato ha firmato 1’30″754. In 280 gare non gli era mai successo di non figurare nella classifica Mondiale: oggi ha due opportunità per rimediare.

GARRETT GERLOFF NON CORRERA’

Dopo quattro minuti (su quindici disponibili) Eugene Laverty è andato giù in ingresso alla curva 10 (tornantino in discesa), distruggendo la BMW. Quasi in contemporanea, alla 4, Garrett Gerloff ha sbagliato traiettoria, coinvolgendo anche Sandro Cortese. L’americano, dolorante, è stato portato per controlli al centro medico. Ha subìto un trauma cranico, verrà portato in ospedale per ulteriori controlli  e non potrà correre le due gare di oggi. Nessun danno per Cortese. La sessione è stata interrotta per qualche minuto per ripulire la pista. Alla ripartenza Laverty e Cortese non hanno potuto riprendere il warm up, visto che in Superbike è obbligatorio l’uso di una sola moto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Randy Krummenacher

Randy Krummenacher tira i freni: “Ho un’ottima opinione di MV Agusta”

gabellini mie racing superbike

Superbike: cambio in corsa per MIE Racing, ecco Lorenzo Gabellini

Superbike, Jonathan Rea

Jonathan Rea e Valentino Rossi destini diversi “Se corro ancora a 41 anni, ditemi di smettere””