Superbike, Toprak

Superbike Magny Cours, Rea ai ferri corti ma Toprak non si batte

Jonathan Rea ha sfoderato gli artigli, ma all'ultima curva Toprak si è ripreso la vittoria nella gara sprint a Magny Cours.

5 settembre 2021 - 11:19

Jonathan Rea ha sfoderato gli artigli, ma all’ultima curva Toprak si è ripreso la vittoria nella gara sprint a Magny Cours. Adesso la Yamaha è a +8 nel Mondiale e il turco guadagna anche la pole di gara 2, che incendierà lo spettacolo alle 14. L’altra Ninja di Alex Lowes ha completato l’ideale podio della Superpole Race, precedendo il sempre consistente Andrea Locatelli e il ducatista Scott Redding che rialza la testa dopo il disastro di sabato.

La sfida si accende

Sulla breve distanza (10 giri) Jonathan Rea ha intravisto la possibilità di rispondere al netto successo di Toprak il giorno prima. I due si sono affrontati a viso aperto, in un confronto diretto a colpi di record della pista migliorato in parecchie occasioni. La Yamaha è un missile sul dritto, ma soprattutto è molto stabile in frenata, un cocktail che in mano ad un talento come Razgatlioglu diventa micidiale. Il Cannibale però non è tipo da mollare facilmente, All’ultimo giro si è infilato nell’unico punto dove poteva, alla “S” Le Mans. Mancavano tre curve alla fine, sembrava quasi fatta ma contro Toprak non è mai detto. Infatti alla frenata del Liceo, la Yamaha si è infilata decisissima all’interno impedendo al campione del mondo qualsiasi reazione. Bellissimo!

Gli altri stanno a guardare

Il confronto Toprak-Rea è di livello così alto che gli altri stanno a guardare, a debita distanza. Lowes, con la stessa Kawasaki di Rea, ha preso oltre cinque secondi, cioè mezzo a giro, un bel gap su un tracciato piatto e corto come Magny Cours. L’olandese van der Mark, sesto, ha messo una pezza alla crisi BMW, precedendo Alvaro Bautista con la Honda, l’altra grande assente della Superbike 2021. Michael Rinaldi con l’altra Ducati è finito solo decimo, dopo il quarto di sabato: le Ducati non trovano costanza di rendimento.

Alle 14 la sfida finale

Il programma di Magny Cours si completa alle 14 con gara 2, sulla distanza di 21 giri. Sono attese le identiche condizioni meteo di sabato, con 27° C aria e 40° C asfalto.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
11:26, 5 settembre 2021

Queste due gare di oggi hanno un significato molto più grande di semplici tappe del campionato.
Rea vince 8 volte a Magny Cours( doppietta l’anno scorso) e se dovesse perdere in un tracciato favorevole
sarebbe una mazzata sul morale non indifferente.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci

Danilo Petrucci: “Ducati mi ha cercato, che soddisfazione!”

Superbike Chaz Davies

Superbike, Chaz Davies resta in Ducati: sarà coach del team Aruba

Toprak Razgatlioglu

Razgatlioglu punta al bis Superbike: “La MotoGP non è il mio sogno”