Ducati Superbike

Superbike: La nebbia non ferma Redding e Rinaldi a Misano

Giornata di test a Misano per la Superbike: in pista con Redding, Rinaldi e Rabat. Nonostante la nebbia, primi chilometri macinati per Ducati.

4 febbraio 2021 - 18:45

La Superbike torna in pista dopo un gennaio sfortunato che ha visto cancellati parzialmente i primi test della stagione a Jerez. Dopo il nubifragio abbattutosi su Jerez de la Frontera, Ducati è tornata in pista sul suolo nazionale a Misano, pur orfana di Chaz Davies e del Team Go Eleven. Le restrizioni dovute al Covid-19 non hanno permesso a tutti i membri della squadra piemontese di essere presenti, optando così per un ulteriore rinvio onde evitare di ‘buttare’ una giornata di prove.

A mordere l’asfalto sono stati allora Michael Ruben Rinaldi e Scott Redding per il team ufficiale Aruba Ducati, mentre in Barni Racing Team abbiamo potuto assistere all’esordio di Tito Rabat. Per lo spagnolo ex iridato Moto2 è stata l’occasione di debuttare finalmente con le derivate di serie dopo il rinvio di Jerez causa maltempo. Lo spauracchio del meteo si è presentato anche a Misano sotto forma di nebbia, che ha accolto i protagonisti della Superbike facendo presagire al peggio. Questa volta, però, tutto si è risolto per il meglio nel corso della giornata dove tutti i piloti sono stati in grado di girare con le loro Panigale.

Alla fine sia Scott Redding che Michael Ruben Rinaldi hanno avuto il loro bel da fare macinando chilometri importanti. Ben 70 i giri percorsi dal britannico, 53 invece quelli dal centauro italiano, entrambi alla ricerca delle giuste sensazioni per iniziare al meglio la stagione. Non ci è dato sapere quali siano I riferimenti cronometrici, ma a commentare con soddisfazione la giornata di test sono i due diretti interessati, ambedue contenti di essere tornati in pista.

LE DICHIARAZIONI DI REDDING E RINALDI

“La prima giornata con la moto 2021 è andata bene”, esordisce Scott Redding. “Siamo arrivati questa mattina trovando tanta nebbia e abbiamo pensato di non poter girare. Fortunatamente le condizioni sono migliorate nel corso della giornata e siamo riusciti a provare qualcosa”. Recuperare il feeling con la Ducati era importante: “Sono davvero contento, sia per me che per la squadra. Ho sentito di nuovo l’adrenalina scorrermi in corpo e le sensazioni sulla moto sono buone; inoltre c’erano alcune cose da provare e ci siamo riusciti. Credo sia stato un bene per tutti essere stati in grado di scendere in pista oggi a Misano”. La testa è già al futuro, con un nuovo test a Marzo: “Torneremo qua per un’altra giornata con la speranza di trovare buone condizioni meteo. Adesso è il momento di tornare ad allenarsi e di farsi trovare pronti per l’inizio della stagione!”

Trapela felicità anche da parte di Michael Ruben Rinaldi: “Sono felice di questa prima giornata di prove dell’anno. Sfortunatamente le condizioni meteo non erano così buone, ma siamo riusciti lo stesso a fare dei giri”. Oltre alla nebbia bisognava tenere in considerazione le temperature: “Era un po’ freddo e l’asfalto non offriva un grande grip. Siamo stati attenti e cercato soltanto di fare chilometri per capire alcune cose. Ci siamo concentrate sul migliorare il feeling in modo, anche se in queste condizioni si fa fatica ad arrivare al limite”. Rimangono le sensazioni positive: “Tornare in moto è stato bello, c’è una gran voglia di tornare a girare, ma ci toccherà aspettare un po’. Sono contento del lavoro svolto con il team e di tutta la squadra.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Michael Rinaldi

Vi spiego perchè la Superbike è ancora bellissima, ma…

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding e il triplice smacco di Misano

Loris Baz, Ducati

MotoAmerica, La Ducati in fumo spegne il sogno di Loris Baz